L’Amministratore Enzo Basentini della SM2 Policoro, smentisce il Comitato Difesa Ospedale di Tinchi. Oggi 15 maggio intervista su Radio Laser alle 11.00

dav

Centro Dialisi di Policoro.

I nostri 20 Pazienti non si sono mai mossi da Policoro e godono di ottima salute ed hanno dializzato e continuano a farlo con un’efficienza di sicurezza al 100% attraverso  controlli di laboratorio.

Questo falso procurato allarme da parte di un inqualificato e fantomatico comitato “Comitato Difesa Ospedale di Tinchi”, manovrato da chissà chi; che invece di difendere la probabile chiusura dell’ospedale, si preoccupa di altri fatti a difesa di una struttura privata di dialisi condotta in  partenrship con il pubblico asm di Matera, i cui proprietari hanno i loro problemi privati che vanno aldilà di certe preoccupazioni del comitato.

Purtroppo questo “Comitato Difesa Ospedale di Tinchi” ha dimostrato più volte di andare oltre certi compiti sociali a loro appartenenti, esagerando nelle esposizioni di fatti e situazioni senza avere conoscenza e competenza delle reali situazioni. Per dirla in breve parlano a vanvera.

Ci riserviamo di denunciare penalmente i responsabili di questa ignobile diffamazione e di procurato allarme verso il centro di dialisi Sm2 e di tutta la città di Policoro.

ENZO BASENTINI

 

Qui sotto il comunicato del Comitato Difesa Ospedale di Tinchi

MANCA L’ACQUA.  DIALISI VICINO CASA?  NO, A 100 CHILOMENTRI

Se dializzi e abiti a pochi chilometri dal centro dialisi di Policoro, ma a Policoro è vietato l’uso dell’acqua, il centro Dialisi privato ha già trovato la soluzione per i trattamenti,  quello di un probabile trasferimento a Potenza.

E’ l’amara sorpresa per i dializzati della fascia Jonica,  infatti, sembra che il posto libero più vicino, secondo quanto dichiarato dal responsabile del centro privato agli organi di stampa,  sia proprio quello del centro nel capoluogo regionale, a ben 100 chilometri di distanza dalla costa Jonica. Da qui la decisione che può costare la vita ai dializzati, di firmare le dimissioni e rifiutare il trattamento,  compreso quelli che da un momento all’altro potrebbero essere costretti ad un trattamento d’urgenza. Teniamo a precisare che i trattamenti dialitici vengono effettuati con l’acqua potabile, poi trattata biologicamente attraverso soluzioni  specifiche.

Tutto  questo senza  tener conto che i trattamenti sono  debilitanti, e dopo la dialisi i malati devono sopportare lo stress e i traumi psicologici e le preoccupazioni di un lungo viaggio,  pazienti già gravati da altre difficoltà. Il privato si trova a Policoro, i reparti ospedalieri a Tinchi e a Matera. Può succedere quindi,  e magari sarà anche capitato all’insaputa di tutti, che un malato di reni di Nova Siri debba recarsi a Potenza, e viceversa, percorrendo 200 chilometri al giorno per tre volte a settimana.

La direzione Asl potrebbe mettere agli atti un vincolo ben descritto,  quello di rilasciare il nulla osta ai pazienti che chiedono di farsi seguire da uno dei centri dialisi pubblici del Materano.  È necessario, solo quando si verificano problemi di emergenza sanitaria, mettere i pazienti nelle condizioni di scegliere la struttura  indipendentemente dal luogo della residenza del paziente e soprattutto dalle sue volontà.

Ricordiamoci che in passato la politica del titolare della Dialisi privata e dell’allora Sindaco di Policoro, contestarono  la realizzazione del Centro Pubblico di Tinchi, perchè distante a causa dell’assenza di sicurezza per i pazienti, stante,  ad esempio, l’assenza della Rianimazione e dell’Utic in caso di emergenza. Oggi percorrere 100 chilometri non è più un problema.

Il Comitato mette a conoscenza questa situazione inaccettabile,  augurandosi che possa servire a trovare una soluzione per il bene dei dializzati, poiché devono  percorrere 200 chilometri al giorno. Le Asl dovrebbero garantire agli ammalati il diritto di scegliersi il luogo dove farsi  curare. Il loro compito, maggiormente nelle situazioni di emergenza, è quello di tutelare la salute e la sicurezza dei pazienti  contattando il centro pubblico più vicino alla residenza del malato.

Tinchi, 12 maggio 2018

Comitato Difesa Ospedale di Tinchi

 

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*