Legambiente: Problema sistematico, urgente l’individuazione delle cause

Foto Andrea Di Grazia/Lapresse 29-10-2015 Messina cronaca La città di Messina senz'acqua, gli abitanti fanno rifornimento con le autobotti Photo Andrea Di Grazia/Lapresse 29-10-2015 Messina (IT) news The city of Messina without water, residents are filling with water tankers

“Ci risiamo, i Sindaci di Policoro, Nova Siri e Scanzano Jonico hanno emesso in questi giorni nuove ordinanze di divieto di uso e consumo dell’acqua a scopo potabile, a seguito di ulteriori superamenti dei valori di trialometani oltre i valori consentiti. È la seconda volta in meno di un mese e , come comprensibile, cresce la preoccupazione tra la popolazione. I cittadini chiedono risposte certe che non possono essere più rinviate, è urgente capire in tempi rapidi cosa ha determinato le ripetute non conformità per poter mettere tempestivamente in atto tutti gli interventi necessari a far rientrare il fenomeno e a tutelare la salute pubblica.”

“Vogliamo risposte certe sullo stato delle acque – dichiara Stella Bonavita presidente del Circolo Legambiente di Policoro- è evidente che non si tratta di un fenomeno temporaneo, va individuata la fonte per adottare i dovuti provvedimenti atti ad evitare che quanto sì è verificato in questi giorni accada ancora”

Bisogna indagare quindi sul processo di disinfezione messo in atto o su possibili infiltrazioni di sostanze organiche, in tutte le fasi del processo di potabilizzazione, compresa quella successiva all’uscita dal potabilizzatore. “Urge capire se sono state fatte analisi, oltre che sui serbatori, anche a monte – afferma Andrea Minutolo dell’Ufficio scientifico nazionale di Legambiente- e se no, sarebbe importante farle per capire in che punto dell’acquedotto o in quale processo nasce e si manifesta il problema”.

È inoltre necessario rispondere ad alcuni importanti interrogativi. Perché ci sono analisi discordanti tra Arpab e Acquedotto Lucano? Se non è un eccesso di sostanze usate per le fasi di potabilizzazione delle acque, allora il problema dipende da eccessi di sostanza organica. Da cosa potrebbero dipendere? Risposte a queste domande sarebbero utili a individuare la causa del problema e di conseguenza la soluzione.

“Chiediamo trasparenza, non possiamo più permettere che queste anomalie si verifichino ancora – dichiara Valeria Tempone direttrice di Legambiente Basilicata Onlus – e per questo ribadiamo l’importanza che i soggetti preposti al monitoraggio e controllo facciano quanto attiene al loro ruolo anche per ripristinare un positivo rapporto di fiducia tra il cittadino e le istituzioni attraverso una più efficace azione informativa.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*