Scanzano Viva: “Ancora una volta dipendenti comunali senza stipendio”

“Sono i dipendenti comunali di Scanzano Jonico a pagare le conseguenze della disattenta gestione finanziaria dell’attuale Amministrazione rimanendo per l’ennesima volta senza stipendio, così come è avvenuto in precedenza e come già denunciato dai Consiglieri Comunali del Gruppo Scanzano Libera (Maria Giovanna Merlo e Sabino Rocco Giacco) sia attraverso un comunicato stampa che con apposita interrogazione scritta al Sindaco.” E’ quanto dichiara attraverso una nota stampa Maria Giovanna Merlo, ex assessore al Bilancio dell’attuale amministrazione.

“Avevo già preannunciato la catastrofe quando ero Assessore al Bilancio e Vicesindaco “dichiara la Merlo “facendo presente, in più di un’occasione, al Sindaco ed alla sua Giunta, lo stato in cui versava la situazione finanziaria dell’Ente. Ma il mio grido d’allarme e la mia ferma volontà di voler attivare le procedure del cosiddetto Predisse sto, ossia il piano di rientro finanziario stabilito dal Decreto di legge 174 del 2012, che prevede un prestito da parte dello Stato per ripianare i debiti a patto di subire uno strettissimo controllo da parte del Governo sulla gestione di tutte le risorse economiche del Comune, rimaneva inascoltato e spesso deriso sia dal Sindaco che da altri membri della Giunta, tanto da costarmi addirittura la revoca delle mie deleghe e la defenestrazione da parte del Sindaco con l’unica colpa di aver voluto cercare soluzioni e collaborare attivamente nella gestione del bilancio per tentare di risanare la situazione finanziaria delle casse comunali.

“Il Sindaco, che ha deciso, allora, di tenere per se la delega al bilancio, dovrebbe concentrarsi per tenere sotto controllo i flussi di cassa, una delle tante materie su cui credo che finora sia stato poco attento, e fare una seria riflessione sul suo operato “ribadisce la Merlo.

“Nella situazione in cui ci troviamo, avremmo bisogno di una Giunta di guerra: invece noi vediamo solo scarsa programmazione e molta superficialità” continuano i due Consiglieri, denunciando per l’ennesima volta le disattenzioni ed il pressapochismo che contraddistingue l’operato di questa Amministrazione elencate ormai così tante volte tanto da diventare un rosario infinito.

Ci chiediamo cosa ha raccontato ai dipendenti, ormai delusi e sfiduciati, per la mancata corresponsione degli stipendi dopo che, anche in occasione del Natale, ad alcuni dipendenti, che non avevano il conto presso l’istituto bancario tesoriere, non veniva accreditato lo stipendio nei tempi previsti.”

Cosa ha raccontato agli stessi dipendenti, infuriati, perché’ non ha ancora provveduto al pagamento delle ore di straordinario prestato in occasione delle elezioni del 4 marzo scorso? Eppure i trasferimenti statali che sono circa 20.000,00 euro, sono arrivati nelle casse comunali già dal mese scorso. Che fine hanno fatto?

Ci domandiamo di cosa si occupa l’Assessore al Bilancio (il Sindaco)?”

“Doveva già aver dato disposizioni ai vari responsabili di settore affinché’ effettuassero una analisi seria e coscienziosa della situazione! Non doveva perdere tempo cercando di autoconvincersi, dato che a me non mi aveva convinta con i suoi proclami, tentando di farmi credere che il Comune di Scanzano era un Comune virtuoso e che la situazione finanziaria dello stesso non era così disastrosa come invece io la preannunciavo”.

“Oggi stiamo constatando che già ad aprile abbiamo utilizzato tutta l’anticipazione di cassa concessa dalla banca al Comune” continua la Merlo e che il Sindaco anziché’ preoccuparsi per il grido d’allarme lanciato più volte dalla stessa in occasione dei vari Consigli Comunali aventi ad oggetto il Bilancio ha preferito fare gesti scaramantici accompagnati da sorrisi ironici piuttosto che prendere coscienza di quanto sta accadendo.”

“Ad oggi non vi è alcuna certezza circa il pagamento degli stipendi, anzi ad essere sinceri, la data non è ancora stata scritta sul calendario, lasciando i lavoratori nella totale incertezza.

Nonostante questa situazione e la totale mancanza di rispetto da parte del Sindaco verso i dipendenti che neppure si è preoccupato di dare opportuna, adeguata e preventiva informazione su quanto si sarebbe verificato, al fine che gli stessi avrebbero al meglio potuto organizzare le finanze familiari e non incorrere in ritardi nei pagamenti, il livello dei dipendenti è stato incomiabile e tutti i servizi sono tutt’ora comunque assicurati.

Purtroppo, e nostro malgrado, constatiamo, che a tutto ciò non ha corrisposto un pari senso di responsabilità dell’Amministrazione che continua a millantare trasferimenti nelle casse comunali da non si sa’ dove!!!!!

Eppure il pagamento degli stipendi non dovrebbe assolutamente essere qualcosa di imprevedibile essendo disciplinato dal D.lgs. 118/2011, ed essendo una voce di bilancio certa ed imprescindibile.

Auspichiamo per il bene di tutta la comunità e per chi è coinvolto in prima persona, come i dipendenti in questo caso, che questa Amministrazione inizi a governare con la consapevolezza delle proprie azioni e non si limiti a galleggiare aspettando soltanto il maturare delle proprie indennità.”

Commenta per primo

Rispondi