Summa (Cgil Basilicata) su situazione Lsu

“In Basilicata , tra le tante questioni che attanagliano il  mondo del lavoro , disoccupazione giovanile, povertà, precarietà, c’è il tema dei  400 LSU  impegnati in molti Comuni senza nessuna tutela,  previdenziali e retributiva. Una situazione ormai di lungo corso, che continua nella più totale indifferenza dei Sindaci e del governo regionale”. Lo scrive in una  nota Angelo Summa, segretario  generale Cgil Basilicata.
“Si tratta – continua – di lavoratori che, pur svolgendo importanti e fondamentali funzioni pubbliche, che vanno dalla raccolta dei rifiuti alla gestione diretta di servizi amministrativi e tecnici propri degli enti locali, vivono una condizione di vero e proprio sfruttamento, equiparati nell’attività lavorativa ai lavoratori pubblici ma privi delle stesse tutele e della dovuta retribuzione. Una situazione paradossale, che rasenta l’illegittimità. Cosa ancor più grave se si considera che le  amministrazioni  comunali hanno a disposizione,  non solo incentivi economici,  ma anche un quadro normativo che consente , anzi obbliga, le amministrazioni pubbliche che hanno spazi assunzionali di  procedere prioritariamente   alla stabilizzazione  degli  LSU in possesso dei requisiti”.
“Una precarietà insopportabile – aggiunge in conclusione Summa – non fosse altro che è generata dalla pubblica amministrazione e dal governo regionale che, pur in presenza delle condizioni per potenziali stabilizzazioni, continua a tenere questi lavoratori stretti nella morsa del precariato. Governare significa soprattutto scegliere le priorità, porre in essere azioni programmatiche ed amministrative guardando alle persone e alla loro condizione, liberandole dal bisogno; assistiamo, invece, quotidianamente a roboanti annunci privi di aderenza con la realtà e che lasciano irrisolti nodi storici che costellano la nostra regione”.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*