“Bianca”: il nuovo album del rapper romano Esdì

Disponibile dal 4 maggio su tutti i digital stores e in copia fisica

“Bianca” è una raccolta di canzoni d’amore…amore nei confronti della vita, campo di battaglia in cui ci si gioca la propria crescita e realizzazione, in cui si viene sconfitti e derisi ma anche premiati e apprezzati. Una perenne montagna russa di emozioni dove è necessario costruirsi un proprio equilibrio per rimanere in gara. “Bianca” è la voce della rivincita dei sottovalutati che non possono arrendersi di fronte a un sistema che costringe a guardare “il bicchiere mezzo vuoto” …” perché una stella brilla pure se è coperta dallo smog!”

Esdì

Il 4 maggio esce su tutte le piattaforme digitali e in copia fisica “Bianca”, il secondo album solista del rapper romano Esdì. Disco concepito in un anno di intenso lavoro, nel quale il giovane rapper ha scritto più di 70 canzoni e ascoltato più di 100 strumentali, affiancato dal suo storico collaboratore e sound engineer MJ Rigillo e dalla sua compagna Bianca Boneschi, che ha curato l’intero progetto grafico e la supervisione artistica del progetto.

11 brani in cui Esdì si mette totalmente a nudo, senza la paura di osare e di superare gli schemi del rap tradizionale romano che lo hanno formato: lo stile hardcore, che contraddistingue le liriche dell’artista, trova spazio anche nei suoi racconti quotidiani conditi di autoironia e sarcasmo e nelle sue oniriche riflessioni sui rapporti interpersonali, creando e fondendo molteplici atmosfere, legate da un unico concetto che fa da substrato all’intero disco: la rivincita dei sottovalutati. Al centro della poetica di Esdì c’è “la ricerca del contenuto” in un’epoca in cui conta più la forma e l’immagine di ciò che si vuole comunicare.

E’ interessante notare come la traccia 6 “Skit – Fine Primo Tempo” è la pausa tra “le due vite” che Esdì vive nell’album: la prima in cui nasce – grazie all’ispirazione di cui parla nel brano introduttivo “Roma D’Autore” -, cresce e si rivela, e infine muore nel dramma di “Senza Zucchero”; la seconda in cui rinasce più consapevole nel brano “Esisto” e che, al contrario della prima parte, non muore con la chiusura dell’album. L’ultima canzone – nonché titletrack “Bianca” – è infatti una dichiarazione di lotta e vitalità di chi ha maturato il giusto carattere per realizzare la propria identità e compiere finalmente la sua rivincita.
Il sound dell’intero album unisce, con il giusto equilibrio, le nuove sonorità con le produzioni underground dal sapore “sporco” e “metropolitano”, grazie al lavoro dei beatmakers con cui Esdì ha lavorato a stretto contatto durante tutte le fasi di realizzazione del progetto.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*