MNS provinciale: “Le strade provinciali vanno adeguate”

Si è riunito il Direttivo Provinciale del Movimento Nazionale per la Sovranità, presieduto dal coordinatore provinciale Leonardo Giordano. A parte un’approfondita analisi del voto del 4 marzo e dello stato dell’alleanza con la Lega di Matteo Salvini, l’organismo di governo provinciale del partito di Alemanno ha esaminato la gravissima situazione in cui versa la rete stradale della regione e della provincia di Matera. Vi sono rotabili che oramai sono diventate pericolosissime per i conduttori di autoveicoli ed i viaggiatori per il pessimo stato di manutenzione in cui versano. Al riguardo Leonardo Giordano, coordinatore provinciale di Matera del MNS, ha dichiarato:<< Le situazioni più eclatanti sono quelle delle strade provinciali “Montalbano J. – Scanzano J.” ed Ex Statale 103 per Craco Peschiera e Pisticci Scalo, separate da un ponte crollato 5 anni fà e ancora non ricostruito. Vi sono poi le situazioni eclatanti sulla superstrada “Basentana” con i viadotti di Vaglio interdetti in una corsia e il Ponte di Picerno ancora non completato dal 2007. Ma tutto lo stato di questa importante arteria (l’unica, oltre l’autostrada Bari – Napoli, a collegare Mare Adriatico, Mare Jonio e Mare Tirreno) versa in condizioni pietose con manto d’asfalto consunto, gallerie non del tutto illuminate, guard rail non installati a valle del bivio di Tricarico, probabile concausa del recente incidente mortale. L’unica misura adottata da alcuni comuni è l’autovelox fisso. Sarebbe il caso di completare l’installazione del guard rail spartitraffico e di installare, come sulle autostrade, un controllo sulla velocità media a mezzo di un “tutor Virgilio”. La postazione fissa infatti è superata perché limita la velocità solo in un breve tratto lasciando i pirati della strada liberi di fare quello che vogliono nella parte restante. Stanno venendo i nodi al pettine di decenni e decenni di abbandono di una politica infrastrutturale seria e puntuale da parte della Regione che ha sprecato tanto per il “futile” e l’effimero (mega attrattori, eventi, opere a bassa fruibilità) e non ha pensato al necessario e alle urgenze della Basilicata. Il nostro Movimento sta pensando a varie iniziative politiche da tenere sul tema a livello regionale.>>

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*