A Potenza “Visioni disturbate”

Nèiba Associazione di Promozione Sociale  in collaborazione con Filippide Potentina, A.N.G.S.A. (Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici) e Zer0971 organizza la terza edizione di “Visioni Disturbate”, rassegna cinematografica per ragazzi e bambini con autismo e disabilità evolutive/intellettive.

La rassegna si terrà nei giorni di mercoledì presso il Cine Teatro Due Torri di Potenza alle ore 19 con le seguenti proiezioni:

4 aprile: La principessa e l’aquila
Un film di: Otto Bell, con Daisy Ridley, Lodovica Comello
Documentario, 87 min., Gran Bretagna, Mongolia, USA 2016
La vera storia di Aisholpan, tredicenne mongola che ha il sogno di diventare la prima cacciatrice di aquile di sesso femminile, nonostante il parere contrario di molti anziani della sua comunità.

11 aprile: Ralph Spaccatutto
Un film di: Rich Moore, con John C.Reilly, Jack McBrayer, Jane Lynch;
Animazione, 101 min., USA 2012
Un incontro intimo e perfetto tra cinema e videogioco prodotto da Walt Disney e diretto dal regista vincitore del premio Emmy. Gli appassionati di cinema saranno trascinati in un divertentissimo viaggio attraverso i videogame da sala gioco.

18 aprile: 4 bassotti per un danese
Un film di: Norman Tokar, con Dean Jones, Suzanne Pleshette, Charlie Ruggles
Commedia, 93 min., USA 1966
Due coniugi posseggono cinque cani: lei preferisce i quattro bassotti, lui il danese, e perciò spesso litigano. Un giorno il danese vince un concorso per cani, mentre un bassotto della donna si piazza agli ultimi posti.

Fine precipuo del progetto “Visioni Disturbate” è quello di promuovere l’autonomia e l’inclusione sociale in situazioni di vita quotidiana.
Tutti i film sono proiettati secondo il sistema Friendly Autism Screening” procedimento che consente a chi presenta disturbi sensoriali di vivere senza problemi l’esperienza del cinema in sala.
Sono previsti laboratori propedeutici nei giorni precedenti le proiezioni presso Autside (Via Pretoria 316 a Potenza), la casa-laboratorio per bambini, ragazzi e giovani adulti con autismo.

Commenta per primo

Rispondi