IL LUCANO CHE INVENTO’ LE 500 LIRE: IL LIBRO POSTUMO DI NICOLA SI PRESENTA IL 27 A MATERA E IL 28 A ROTONDELLA

Si presenta anche in Basilicata, dopo l’anteprima a Roma del 22 marzo, il libro postumo di Nicola Ielpo “Il lucano che inventò le 500 lire” (Edizioni Edigrafema) a cura del giornalista Pino Suriano. Doppio appuntamento per martedì 27 marzo a Matera (ore 18, Biblioteca Provinciale Stigliani) e mercoledì 28 marzo a Rotondella, paese natale di Ielpo (Palazzo Ricciardulli, sempre alle 18).

Il libro è stato realizzato dal Comitato di Matera della Società Dante Alighieri con il contributo della Regione Basilicata. La pubblicazione ripropone al centro dell’attenzione un’eccellenza lucana a molti sconosciuta. Ielpo fu Direttore della Zecca di Stato dal 1979 al 1999. Aveva iniziato a scrivere un libro sui racconti dei suoi viaggi da Direttore, poi lasciato in sospeso per la sopraggiunta morte nel 2012.

Dopo uno studio sui materiali, fu il primo a brevettare, nel 1982, l’utilizzo della moneta bimetallica, che poi divenne quella da 500 lire. Ielpo contribuì anche a creare l’euro. Fu lui, all’inizio degli anni ’90, ad animare il gruppo di lavoro internazionale ((Mdwg – Mint Directors Working Group) che avrebbe deciso forma, dimensione, peso, materiali e rappresentazioni della moneta unica europea. Fu anche direttore della Conferenza Mondiale dei Direttori di Zecca dal 1992.

Ci saranno a Matera le testimonianze di quanti lo hanno conosciuto, con saluto introduttivo dell’Assessore Provinciale con Delega alla Cultura, Anna Maria Amenta; il Dirigente dell’Ufficio Sistemi Culturali e Turistici della Basilicata, Patrizia Minardi; il vice Sindaco di Matera, Nicola Trombetta. Intervento del curatore Pino Suriano. Modera Sveva Lipari, vice presidente del Comitato di Matera della Società Dante Alighieri.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*