La Polizia presenta agli studenti dell’Einstein-De Lorenzo” You pol un’app per “sconfiggere insieme bullismo e droga”

Una interessante e meritevole iniziativa quella della Polizia di Stato che manifesta, attraverso i canali tecnologici dei millennials, la sua vicinanza e “protezione” verso gli ultimi e indifesi: l’attivazione di un’app – YOU POL – da scaricare sul cellulare per inviare alla sala operativa della Questura una foto e/o un messaggio che segnali casi di bullismo o di spaccio di droghe.
A presentare l’App You Pol ai giovani dell’Einstein-De Lorenzo, in entrambe le sedi –di via Sicilia e via
Danzi nella mattinata di venerdì 16 marzo u.s. -, è stato il Commissario capo Marcello Rizzuti. Un incontro apprezzato dagli studenti che hanno fatto domane e hanno espresso ammirazione per l’iniziativa della Polizia di Stato.
Attraverso un video il Commissario Rizzuti ha spiegato le caratteristiche, le potenzialità e la modalità d’uso dell’applicazione. Una volta scaricato l’app sul proprio cellulare, lo studente (ma anche l’adulto) può denunciare –anche in forma anonima- bulli e spacciatori (anche se si trova in un’altra città). In questo modo diventa cittadino protagonista collaboratore insieme alla Polizia del “benessere” e della sicurezza della propria comunità. “Mettetevi dalla parte dei più deboli”, è stato questo il monito più volte ripetuto dal Commissario ai giovani allievi. L’invito a “non nascondersi” e a recuperare il vero senso di una comunità democratica è venuto anche dal Dirigente scolastico, Domenico Gravante che insieme alla docente Funzione strumentale alunni, Anna Grignetti (che ha organizzato e coordinato gli incontri), ha voluto
questo appuntamento in-formativo per tutti i rappresentanti di classe dell’Istituto.
L’app YOU POL, inaugurata ufficialmente lo scorso 8 marzo in tutti i capoluoghi italiani ha avuto la sua prima sperimentazione nel mese di novembre 2017 a Catania, Roma, Milano.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*