Calcio, Eccellenza: Montescaglioso imbattuto

“Il pareggio forse ci sta stretto, ma va bene anche così”. Il commento è del vice presidente del Montescaglioso, Giuseppe Pietrocola, che si mostra soddisfatto nel complesso dello 0-0 ottenuto dalla squadra allenata da Pasquale Martinelli a Pignola. Dove la neve l’ha fatta da padrona, specie nel secondo tempo.

“La squadra ha affrontato bene la partita, diversamente rispetto a quanto avvenne due settimane fa a Lavello. Su un campo sempre difficile e contro una squadra sempre ostica come il Pignola, infatti, i ragazzi hanno giocato molto bene e, alla fine, avrebbero probabilmente anche meritato qualcosa in più, ma non è il caso di stare qui a piangere o a lamentarsi”, ha sottolineato Pietrocola. Anche perché, come anticipato, le condizioni meteo non è che fossero delle migliori. “Specie nel secondo tempo – ha infatti aggiunto il vice presidente del Montescaglioso – la neve ha condizionato la partita sotto tutti gli aspetti, e il campo, già molto pesante di per sé, lo è diventato ancor di più. Insomma, può andar bene così”. Tra l’altro le dirette concorrenti non sono andate meglio. “E sì – ha concordato Pietrocola – il Lavello ha pareggiato nello scontro diretto con il Senise e la Fides Scalera è stata superata a domicilio dal Lagonegro. Insomma, la giornata è stata positiva, visto che abbiamo mantenuto le distanze da Lavello e Senise, guadagnando anche un punto dalla Fides Scalera”.

Domenica, però, vi aspetta una gara complicatissima, almeno sulla carta. “Assolutamente sì: al Comunale di viale Kennedy ospiteremo la capolista Rotonda e sono sicuro che la stadio sarà letteralmente invaso dai nostri tifosi, così come da quelli degli ospiti”. A tal proposito, il vice presidente della squadra biancazzurra ha reso noto che, in occasione del big match con la capolista, “la società intende ridurre il prezzo del biglietto, che scenderà a 3 euro”.

Insomma, alla corazzata del Pollino il Montescaglioso opporrà non solo il consueto team agguerrito, ma anche una cornice di pubblico di quelle da ricordare.

Piero Miolla 

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*