A Metaponto, l’ex procuratore Caselli parla di come combattere le Agromafie

E’ terminato con una standing ovation per il procuratore Gian Carlo Caselli, presidente del Comitato Scientifico della Fondazione “Osservatorio Agromafie”, il convegno organizzato dal Coldiretti Basilicata “Agromafie e caporalato: le aree del sud Italia a rischio caporalato e sfruttamento lavorativo in agricoltura” organizzato nell’azienda sperimentale Pantanello di Metaponto di Bernalda che si è tenuto venerdì mattina.  Tra i relatori spiccava la figura del presidente del Comitato Scientifico della Fondazione “Osservatorio Agromafie”, Caselli che ha ribadito come agromafie e caporalato siano declinazioni del più ampio tema della legalità.

Obiettivo della Coldiretti Basilicata, è quello di vigilare sul sottocosto e sui cibi low cost dietro i quali spesso si nascondono ricette modificate, l’uso di ingredienti di minore qualità o metodi di produzione alternativi se non l’illegalità o lo sfruttamento.

“Grazie al confronto odierno con gli oltre 400 imprenditori presenti, abbiamo cercato di mettere a nudo il tema del caporalato nonché quello del lavoro sommerso, piaghe che danneggiano l’intero settore, i lavoratori e le imprese oneste che hanno scelto la via della legalità e si trovano a dover concorrere con chi ha invece ha preferito lucrare illecitamente sullo sfruttamento dei propri simili”, ha spiegato Quarto, nel corso del suo intervento. La Coldiretti, lo ricordiamo, ha fortemente voluto e sostenuto la legge per il contrasto al fenomeno del caporalato, rilevando, al contempo, come numerosi siano i prodotti alimentari che arrivano in Italia da aziende estere che non rispettano, tra le altre, anche le normative in materia di tutela dei lavoratori. “Siamo convinti che il contrasto al lavoro nero e a chi lo organizza in agricoltura e comunque in qualsiasi settore, debba diventare una priorità sia per le organizzazioni di produttori, sia per il sistema imprenditoriale onesto, ma soprattutto per tutte le forme di governo esistenti sul nostro territorio, regionale e nazionale” ha aggiunto Aldo Mattia, direttore regionale di Coldiretti Basilicata, per il quale “ è necessario intervenire in modo drastico affinché tutti, la politica , la società civile sappiano fare i conti una volta per tutte con il caporalato e con le pratiche offensive della dignità umana ad esso connesse e abbandonato scorciatoie varie solo apparentemente convenienti . Pertanto da qui parta il grido d’allarme, ma soprattutto la convinzione di adoperarsi per trovare soluzioni a favore e a sostegno del settore economico più esposto; l’agricoltura”.

Tra i relatori della tavola rotonda, moderata da Aldo Mattia, direttore regionale di Coldiretti Basilicata , anche Stefano Olivieri Pennesi, capo Ispettorato territoriale del lavoro di Basilicata, Cataldo Motta, già procuratore Dda di Lecce, e Romano Magrini, capo area gestione del personale, lavoro e relazioni sindacali di Coldiretti nazionale.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*