Frutticoltura, Rinnovo cariche nell’Associazione Mattatelli

L’associazione per lo sviluppo della frutticoltura “Biagio Mattatelli” ha rinnovato, nei giorni scorsi, i propri organi direttivi. Presidente, per il triennio 2018-2020, è stato confermato Vincenzo Montesano, docente di scienze naturali nelle scuole medie, laureato in Scienze agrarie e imprenditore agricolo. Vicepresidente e segretario sono stati confermati rispettivamente Filippo Radogna e Carmelo Mennone. Mentre componenti del direttivo sono stati eletti: Emanuele Scalcione, Saverio Carbone, Nicola Dubla e Amedeo Silletti.
L’Associazione la cui sede è ubicata presso l’Azienda agricola sperimentale dimostrativa “Pantanello” di Metaponto annovera divulgatori, tecnici, ricercatori, imprenditori agricoli e studenti nelle discipline agrarie e ha la funzione di promuovere il progresso tecnico e scientifico nel settore primario.
A questo proposito il sodalizio organizza due premi nazionali, molto partecipati, per la migliore tesi di laurea specialistica e per la migliore tesina in frutticoltura negli Istituti agrari per gli allievi delle quinte classi.
Il presidente Montesano, dopo la rielezione, ha illustrato il programma di attività per il 2018 che prevede oltre allo svolgimento dei Concorsi, anche la realizzazione di seminari tecnici che riguarderanno gli organismi nocivi nelle colture arboree, nuove cultivar frutticole, le biotecnologie, l’agricoltura di precisione, alimentazione e prodotti agricoli tra passato e futuro. Su tale ultimo argomento, in collaborazione con il Dipartimento regionale Politiche agricole e l’Alsia sarà organizzata a marzo all’Istituto professionale agrario di Sant’Arcangelo una giornata di studio sull’alimentazione, i piatti tipici e le tradizioni contadine, inoltre sarà presentato in anteprima il bando del Premio B. Mattatelli 2018 per la miglior tesina in frutticoltura negli Istituti agrari il cui vincitore riceverà una borsa di studio di 500 euro. In chiusura è stato approvato il bilancio consuntivo 2017 e quello preventivo per l’anno 2018.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*