Matera 2019, Open Design School apre ufficialmente le sue porte alla comunità

Il 10 febbraio 2018 verrà presentata ufficialmente l’Open Design School, uno dei progetti pilastro di Matera 2019, un laboratorio di sperimentazione interdisciplinare con il compito di progettare e realizzare le infrastrutture di servizio necessarie all’attuazione del programma culturale del 2019 a Matera e in Basilicata.

Una serie di iniziative caratterizzate dal coinvolgimento della comunità animeranno, nel corso dell’intera giornata, il complesso di Casino Padula, nel quartiere Agna Le Piane a Matera, dove la scuola ha sede e dove da circa un mese, i 16 professionisti selezionati, provenienti per 1/3 dalla regione, 1/3 dall’Italia e 1/3 dall’estero, hanno cominciato a lavorare.

Nella mattina, dalle 10:00 alle 12:00, si svolgeranno due workshop che vedranno protagonisti gli studenti del Liceo Artistico “Levi” di Matera: quello di Progettazione partecipata ed allestimento dello spazio esterno e quello sull’Autocostruzione e assemblaggio di una Camera Lucida.

Nel pomeriggio, dalle 15:00 alle 17:00, ci saranno invece due workshop aperti a tutti: uno sempre sulla Progettazione partecipata ed allestimento dello spazio esterno, l’altro su “Bike maintenance: impariamo a riparare una bicicletta”.

Alle 18:30 ci sarà poi il momento dedicato alla presentazione pubblica dei progetti a cui sta lavorando Open Design School; saranno presenti, insieme a tutto il team di lavoro, Joseph Grima, Direttore Scientifico dell’Open Design School, Rossella Tarantino, Manager Sviluppo e Relazioni della Fondazione Matera Basilicata 2019, la project Manager Rita Orlando e Mariangela Liantonio, Assessore alle politiche sociali del Comune di Matera.

In questa occasione, i cittadini potranno visitare gli spazi interni del Casino Padula adibiti in parte al co-working e in parte a laboratorio, partecipare ai workshop, conoscere i progetti, scoprire il calendario di attività aperte al pubblico, fra laboratori, passeggiate, manutenzione del verde, che saranno messe in campo nelle prossime settimane per rendere tale luogo vivo e attivo, a disposizione della comunità.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*