Fornitori Eni, uniti per essere più competitivi

Massiccia partecipazione di imprenditori e artigiani al seminario di Confindustria Basilicata sul processo di qualifica e le opportunità di sviluppare nuove aggregazioni

VIGGIANO – In una sala gremita di imprenditori, artigiani, piccole realtà economiche locali – alla presenza dei sindaci di Viggiano, Marsico Nuovo e Marsicovetere e di alcuni amministratori dell’area – si è svolto, ieri pomeriggio a Viggiano, il seminario organizzato da Confindustria Basilicata per approfondire il processo di qualifica dei fornitori e incentivare nuove  forme di aggregazione tra piccoli imprenditori che consentano loro di operare con Eni.

“Una partecipazione – ha commentato il vicepresidente alle Politiche energetiche e ambientali di Confindustria Basilicata, Francesco Somma – che testimonia quanto la presenza della multinazionale sul territorio rappresenti una opportunità di crescita per l’intero mondo produttivo lucano, non solo dal punto di vista economico e sociale ma anche in termini di diffusione di cultura d’impresa, della sicurezza e dell’ambiente. Nel corso dell’incontro, che abbiamo voluto aprire a tutte le aziende, è emerso chiaramente che le forme di aggregazione, tradizionali e nuove, sono uno strumento indispensabile per candidarsi a essere validi contractors, non solo di Eni ma di tutta la filiera Oil&Gas”.

Dopo i saluti del vicepresidente Somma e del responsabile del progetto Eni in Basilicata, Walter Rizzi, è intervenuta la responsabile per i rapporti con Confindustria nazionale e le Associazioni imprenditoriali territoriali Eni, Manuela Liverzani, che ha presentato l’iniziativa.

Nel corso degli interventi del responsabile Vendor management Eni, Thomas Negrini, della responsabile Industrial and environmental qualification Activities Eni, Caterina Pisani, e del responsabile Upstream procurement Italy Eni, Filippo Saranga  sono state illustrate le possibilità di formare consorzi stabili tra più imprese, reti di impresa e raggruppamenti temporanei di impresa, per rispondere meglio ed essere più competitivi rispetto ai requisiti del singolo appalto.

Sono stati inoltre approfonditi i temi relativi agli aspetti e requisiti HSE-Q (Salute, Sicurezza, Ambiente e Qualità), al fine di prevenire infortuni del personale impiegato nelle attività e garantire la sostenibilità ambientale.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*