Scenari: la personale di Belmonte a Gocce d’Autore

Si inaugura sabato 3 febbraio alle 18,30 presso lo spazio espositivo del Circolo culturale Gocce d’Autore la personale di pittura di Pasquale Belmonte dal titolo Scenari. Un percorso dell’anima che svela i luoghi evocati dall’artista potentino, appassionato cultore di paesaggi a cui si ispira da circa trent’anni. I suoi dipinti offrono una visione che vanno oltre il semplice atto dell’osservare, ci invitano ad usare lenti speciali per carpire i dettagli che spostano l’attenzione dell’osservatore verso altri elementi. “Quando Pasquale Belmonte, per diletto o per necessità, sceglie di farci entrare in questi suoi momenti, la lente che ci propone non è più solo quella del richiamo di precise visioni o passate  memorie. Sono le sensazioni che ha provato e che rinnova nel restituirci con un esercizio ludico, per noi complicatissimo, che invece intriga chi mescola colori, annusa pigmenti e si intende di interferenze emotive”, come scrive Piero Ragone nel testo critico che accompagna l’esposizione.

Ciò che l’opera pittorica di Belmonte comunica è la trasposizione profonda, è il viaggio interiore del viandante tra paesaggi visionari dalle composizioni ritmiche e cadenzate, pacate, soffuse. E’ un invito ad entrare nel mondo intimo dell’artista che di fronte ai suoi dipinti prova rapimento, stordimento, meraviglia. La sua pittura diventa non solo “il luogo dell’introspezione e del bagaglio interiore”, caratteristica che identifica fortemente lo stile dell’artista, ma il luogo dell’incontro e della condivisione con il prossimo. Gli scorci, le stradine, le campagne, gli alberi proposti nelle tele appartengono infatti più alla visionarietà dell’artista che alla realtà, da cui attingere per riprodurre in forma decontestualizzata il mondo che lo circonda. E tutto si trasforma in linee, macchie, segni, in un movimento giocoso, in un dialogo franco tra l’artista e il suo territorio.

Al vernissage, introdotto dal presidente del Circolo culturale Gocce d’Autore Eva Bonitatibus, interverrà Piero Ragone, curatore del testo critico, e Pasquale Belmonte. L’esposizione resterà aperta fino al prossimo 17 febbraio tutti i giorni dalle 18,30 alle 20,30.

Eva Bonitatibus

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*