CARD CELIACI: DURA PROTESTA DEL COMMISSARIO ASM CON LA BANCA POPOLARE DELL’EMILIA ROMAGNA PER I RITARDI DELL’ACCREDITO

Quinto: “primi ad attivare la card non possiamo tollerare ulteriori disagi ai celiaci”

“Non possiamo tollerare ulteriori ritardi”. Questo il senso della contestazione fatta ieri ai vertici della Banca Popolare dell’Emilia Romagna dal Commissario Asm, Pietro Quinto, per i ritardi dell’accredito delle somme periodiche sulla carta di credito in dotazione ai celiaci della provincia di Matera.

Il manager ha chiesto ai rappresentanti dell’istituto di credito di risolvere immediatamente il problema affinché i celiaci entrino nella disponibilità del credito entro pochi giorni, “non essendo tollerabile -ha spiegato- che meri problemi relativi alla procedura bancaria possano ulteriormente ritardare l’esercizio di un diritto da parte di tante persone”.

L’Asm ha attivato la card a tempo record nel 2016, attuando uno specifico indirizzo della Regione Basilicata.

La card è ricaricata ogni 3 mesi, con un importo prestabilito dal Ministero della Salute ed è impiegata dai celiaci per l’acquisto di prodotti senza glutine (pane, farina, pasta). Periodicamente l’assistito invia gli scontrini al competente Ufficio Asm, che effettua un controllo sul corretto impiego dell’accredito.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*