REGALI NATALE: A POTENZA CLIMA DI OTTIMISMO TRA GIOIELLIERI

Le gioiellerie e le aziende del settore orafo-artigianato artistico che vendono a Potenza si preparano a un Natale di crescita. I clienti che andranno a scegliere i propri regali in gioielleria quest’anno saranno il 4% in più di quelli che lo hanno fatto lo scorso anno e spenderanno di più rispetto al 2016. Acquisteranno per i familiari (81,9%) per lo più prodotti in oro, preferendo bracciali, anelli e orecchini. Faranno spese soprattutto nelle gioiellerie tradizionali e, in meno di un quarto dei casi, online. Questo ritratto della stagione dello shopping natalizio in corso è contenuto nella ricerca “Osservatorio sulle vendite nella gioielleria”, diffusa da Confcommercio.

Malgrado l’aumento degli acquisti attraverso il canale dell’e-commerce, che viene preferito prevalentemente per il prezzo vantaggioso, il canale tradizionale – ovvero la gioielleria tradizionale in città – continua ad essere ampiamente preferito per l’acquisto di preziosi.  Circa tre intervistati su quattro riconoscono al gioielliere il ruolo importante di un professionista al quale rivolgersi con fiducia per avere competenti consigli. Sulla tipologia di gioielli preferiti la moda esercita sicuramente una grande influenza: da anni le spille, insieme a gemelli e fermacravatte, sono ultime in una classifica che vede ai primi posti bracciali e braccialetti, orologi, orecchini e ciondoli. Nel campo dell’orologeria le preferenze vanno ai prodotti di fascia economica fino a 500 Euro con un 73,6%.

Per il 2017 il campione in esame dichiara una minore propensione (- 1.2%) all’acquisto di regali in generale per le festività di fine anno (84,8% contro l’86% del 2016), ma con una maggiore propensione per gioielli preziosi, orologi, bijoux che passano dal 10,8% dello scorso anno all’11,2%. Sono preferiti i canali in punti vendita tradizionali, pur con una flessione di quelli su strada (dal 51,7% al 48,7%) e un aumento per le gioiellerie nei centri commerciali (dal 48,8% al 52,5%). Guadagnano punti i siti di e-commerce (dal 24,6% al 27%) e i negozi online di marchi noti (dal 12,7% al 20,2%), mentre scendono dal 14,8% al 13,3% quelli di gioiellerie tradizionali.

Secondo Giuseppe Aquilino, Presidente di Federpreziosi Confcommercio “i dati sono in linea con le aspettative. Il nostro settore registra da qualche anno a questa parte una tendenza leggermente migliore – pur in un quadro generalmente negativo – rispetto ad altri beni voluttuari. Certo è che i risultati, come sempre accade, dipenderanno da quello che ognuno di noi saprà fare con le iniziative più adeguate alla propria realtà per risvegliare la propensione e l’interesse all’acquisto di preziosi anche da parte di coloro che se ne sono un po’ disaffezionati.

Concordano Renato Iacuzio e Carmelo Romeo, orafi a Potenza con un marchio proprio (Phos) dal 2012,  che portano esperienze diverse ma complementari (l’uno come orafo di esperienza ventennale, l’altro come designer nell’ambito del vetro artistico, degli accessori e della moda). Le differenti collezioni proposte per le festività di Natale-Capodanno rispondono ai diversi target di mercato.  Dalla collezione Fashion (Perle, Camei, Diamanti, Zaffiri, Smeraldi, Corindone, Oro), a Collezioni di tendenza dalle materie prime e style più richieste “Colllezioni”, alle pietre preziose di alta gioielleria, fedi nuziali, Parure di Diamanti e gioielli preziosi. Un brand che si distingue come una ventata di novità e freschezza nell’ambito di un settore sempre più esigente ed alla ricerca di nuova linfa creativa. Ci si avvale della collaborazione di nuovi designer e artigiani, per offrire sempre alla clientela una vasta scelta di gioielli unici e mai ripetibili, la continua ricerca e l’innovazione nel settore del gioiello fashion rivolto alla tradizione ,all’artigianalità del prodotto made in italy fanno del marchio Phos un punto di riferimento del gioiello di qualità, originalità e raffinatezza. «La filiera orafa made in Italy è straordinaria – dice Renato Iacuzio -e bisogna valorizzarla rivedendo alcuni processi creativi, costruendo reti di vendita che rispondano alle esigenze dei consumatori in trasformazione». La nostra filosofia: “Le pietre preziose e semipreziose hanno un ruolo predominante , attorno alle quali prendono vita le nostre creazioni. Colorate, iridescenti, cabochon, briolè, le pietre danno sempre luce e calore ai nostri gioielli ,emozioni da portare sempre con se. Siamo pronti a soddisfare tutte le esigenze di idee regalo. Il nostro target è eterogeneo trasversale alle mode. L’imperativo è il buongusto e l’originalità oltre che la qualità.

Per tornare all’indagine, con tre punti percentuali di aumento rispetto al 2016 (10,8% contro 7,8%)  gioielli, preziosi, orologi e bijoux dovrebbero essere fra i beni privilegiati negli acquisti natalizi, insieme a giocattoli, libri, abbigliamento e calzature, CD/DVD e giochi elettronici, prodotti per la persona. Il condizionale è d’obbligo, ma i dati della ricerca indicano un trend in salita e fanno ben sperare. Se il 14% degli intervistati dichiara che non farà acquisti destinati a regali natalizi, l’86% non rinuncerà alla tradizione dei doni; di questi i 10,8% prediligerà gioielli o bijoux e il 9,5% orologi. Destinatari saranno prevalentemente famigliari (52,6%) e parenti (14,6%), mentre per il 16% si tratterà di autoacquisti, penalizzando amici e conoscenti. Preferiti per tale genere di acquisti risultano essere le gioiellerie tradizionali su strada (74,6%) e in un centro commerciale (53,7%), ma prendono piede anche quelli on line su siti web di negozi tradizionali o di marchi noti, rispettivamente con un 17,9% e un 23,3%. Quest’ultimo dato costituisce uno spunto interessante di riflessione e di approfondimento per un serio confronto tra brand e dettaglio sulle dinamiche che caratterizzano il mercato dei preziosi, nell’ottica di una maggiore e migliore collaborazione commerciale e di valutazione di una politica coordinata per la distribuzione via internet. Il 30,7% che dichiara di acquistare abitualmente su siti di e-commerce indica come motivazione innanzi tutto il prezzo vantaggioso, la facilità di trovare il prodotto desiderato, la possibilità di farlo 24 ore su 24. La moda e la comunicazione hanno un’evidente influenza sulla tipologia di oggetti: spazio ai bracciali (58,2%), agli orecchini (54%) e ai ciondoli (43,7%), che sono al top delle preferenze, seguiti dagli anelli.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*