A PISTICCI GRASSO CHE COLA

Il libro del giornalista sarà presentato sabato 16, alle ore 18, nella sede de “La Pacchianella”

PISTICCI – Ironia e autoironia a fiumi. Tutto Grasso che cola. Leggere il libro, dall’omonimo titolo, per credere. Scritto per i tipi della “Zaccara Editore” dal giornalista e scrittore lucano, Antonio Grasso, con l’intento di “far riflettere il lettore, sdrammatizzando”. Perché, come recita anche il sottotitolo: “Ci sarebbe da piangere. Ma prendiamola a ridere”. Seguendo la “filosofia” del “castigat ridendo mores” (“correggere i costumi, ridendo” ndr). A finire, non a caso, sotto la lente d’ingrandimento dell’autore i vizi, le contraddizioni e o paradossi della società. A partire da quelli del sistema politico italiano. E non solo. Il malcostume dilagante, il problematico rapporto giovani-lavoro, l’avvento dei social e la conseguente mutazione genetica della moderna comunicazione di massa. Ma anche la difficile “convivenza” dei lucani col petrolio in Lucania e tanto altro ancora riletto in chiave umoristica da Grasso. Battute e aforismi raccolti, nel tempo, nero su bianco. “Un lavoro – come sottolinea in prefazione il maestro e filmmaker, Salvatore Verde – di ‘controinformazione’ intellettuale, di condensazione linguistica, di miniaturizzazione concettuale, di monumentalità della denuncia e di svelamento della verità cruda e nuda”. Il volume, con vignetta di copertina del maestro Mario Bochicchio, sarà presentato sabato 16 dicembre prossimo a Pisticci. L’appuntamento è per le ore 18 nei locali dell’associazione culturale “La Pacchianella”, in corso Margherita 132, promotrice – in collaborazione con Radio Laser – della presentazione.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*