MATERA CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA 2019– OGGI A REGGIO UN CONFRONTO SU FUTURE COLLABORAZIONI IN CAMPO CULTURALE

Individuare comuni elementi di lavoro e opportunità di scambio in campo culturale tra Reggio Emilia e Matera. È questo l’obiettivo dell’incontro che si è tenuto stamane in Municipio a cui hanno preso parte il sindaco di Reggio Luca Vecchi, l’assessore ai Sassi del Comune di Matera Paola D’Antonio e Paolo Verri, direttore della Fondazione Matera Basilicata 2019. Presenti anche Davide Zanichelli, presidente della Fondazione Palazzo Magnani, Giordano Gasparini, direttore delle Biblioteche, e Donato Vena, presidente dell’associazione Lucani Reggio Emilia.


Al centro dell’incontro le diverse istituzioni culturali e le iniziative che caratterizzano ciascuna città e in particolare il programma elaborato da Matera, che nel 2019 sarà capitale europea della cultura e che, per questa ragione, è particolarmente interessata a generare nuove collaborazioni e scambi con altre realtà nazionali e internazionali. Tra le possibili ipotesi di lavoro individuate in questo primo incontro, cui seguiranno nelle prossime settimane momenti di approfondimento, vi sono l’ambito culturale e in particolare il settore della fotografia, i temi educativi e l’esperienza di Reggio Children, e la riflessione sui temi della rigenerazione urbana e del paesaggio che Reggio sta sviluppando nelle ex Officine reggiane, mentre Matera affronta rispetto alla valorizzazione e al riuso dei Sassi, un patrimonio storico oggi candidato – così come il Tecnopolo reggiano – a divenire luogo della creatività e dell’innovazione.

Oggi pomeriggio i rappresentanti della città di Matera e della Fondazione Matera Basilicata 2019 incontreranno presso Palazzo Magnani, sede dell’omonima Fondazione, i diversi soggetti che a Reggio operano in campo culturale.
“Un’altra dimostrazione dell’interesse che il programma di Matera 2019 desta a livello nazionale – così commenta il direttore della Fondazione Matera Basilicata 2019, Paolo Verri – Ma anche, dopo le intese con la città di Ravenna e la città di Modena, la dimostrazione della straordinaria vitalità che l’Emilia Romagna mette in moto a livello sociale e culturale. Oggi, oltre ai momenti istituzionali, ho potuto visitare spazi come quelli della Polveriera, dove sono raggruppati gli operatori sociali della città, e dove è stato già sviluppato in particolare il progetto Kappa Lab: luoghi in cui bellezza e inclusione sociale si incontrano in maniera mirabile, e immaginare grandi collaborazione con il territorio, a partire dalle relazioni con i lucani di Reggio ma anche con gli imprenditori che hanno sviluppato nel corso degli anni forti relazioni economiche tra le nostre due città”.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*