SECONDA SETTIMANA CUCINA ITALIANA NEL MONDO: GLI EVENTI A BUCAREST

Sarà la neo presidente della Federazione Italiana cuochi, delegazione della Romania, Enza Barbaro, di Potenza, prescelta dall’Accademia Italiana della Cucina, a rappresentare la cucina lucana nella seconda settimana della cucina italiana nel mondo cominciata ieri e che si concluderà domenica prossima 26 novembre. Barbaro, unica donna presidente di una delegazione estera della Federazione Italiana Cuochi, per il ristorante Origini Lucane di Bucarest, ha scelto il menù:  Pagnottelle ripiene di ciambotta lucana; Focaccia e pizzelle fritte; Purè di fave con cicoria campestre; Ciceri e tria; Fusilli al ragù lucano con cacioricotta; Orecchiette con cime di rape.

L’iniziativa, promossa dal Ministero degli Affari Esteri italiano e coordinata localmente dall’Ambasciata d’Italia in Romania, intende promuovere e valorizzare in Romania la tradizione culinaria italiana di alto livello, segno distintivo dell’identità e della cultura italiana, e l’uso dei prodotti enogastronomici di qualità. Saranno promossi una serie di eventi incentrati sulle eccellenze italiane e sulla qualità del Made in Italy nel settore agroalimentare, tra cui l’Istituto Italiano di Cultura di Bucarest organizza uno spettacolo teatrale destinato ai bambini delle scuole, intitolato “Cucina in Punta di Piedi” e dedicato al lavoro del grande gastronomo Pellegrino Artusi, presso la Scuola Aldo Moro e il Liceo Dante Alighieri;  l’ufficio ICE di Bucarest organizza l’evento “Degusta Italia”.

Domani mercoledì 22 novembre l’Ambasciata d’Italia e la delegazione di Bucarest dell’Accademia Italiana della Cucina, con la collaborazione del Teatro dell’Opera di Bucarest, organizzano l’evento dal titolo “Cucina all’Opera”, che intende far scoprire agli amanti della lirica il legame con la cucina di alcuni dei più noti compositori italiani, attraverso una dissertazione seguita da un buffet di piatti regionali. All’esecuzione dell’opera Madama Butterfly, diretta dal maestro Marcello Mottadelli, seguirà un buffet nel corso del quale circa 100 selezionati invitati degusteranno i cibi della tradizione culinaria italiana tanto cari a Puccini. Venerdì 24 novembre,  l’Istituto Italiano di Cultura di Bucarest organizza una cena letteraria intitolata “A Cena sulle Dolomiti”, che promuove la gastronomia regionale e il patrimonio naturalistico e culturale delle Alpi Orientali, patrimonio dell’Umanità. I proventi della cena saranno devoluti all’Associazione Pollicino di Petrosani.

La seconda settimana della cucina italiana nel mondo a Bucarest coincide con il progetto fortemente innovativo di Palazzo Italia dell’inaugurazione di una sala per eventi il Salone delle Rose, evoluzione del ristorante Origini Lucane.  Per chi all’estero svolge da tempo compiti di “ambasciata Basilicata” e vetrina permanente delle eccellenze del “made in Basilicata” e del “made in Italy” come è il caso a Bucarest di Palazzo Italia, struttura nata per iniziativa dell’Associazione Lucani nei Balcani, presieduta da Giovanni Baldantoni, è l’evento internazionale più importante.

“Per noi – commenta Giovanni Baldantoni, presidente di Palazzo Italia – la nuova offerta di gastronomia lucana ed italiana è motivo di orgoglio e di soddisfazione per intensificare l’attività di promo-commercializzazione delle produzioni tipiche e di qualità della nostra regione.   Secondo l’Ice l’export agroalimentare italiano in Romania è in crescita tra il 10 e il 20% nel giro di un anno. Solo la Basilicata ha un giro di export di 1,2-1,4 milioni di euro l’anno con punte che hanno toccato, nel 2011, la punta massima di 4,5 milioni di euro con quote di mercato oggi da recuperare. Il salto di qualità che abbiamo compiuto – aggiunge – è indirizzato a superare i limiti oggettivi dell’attività di istituti italiani, Camera di Commercio e Confindustria Romania perché siamo riusciti ad introdurre metodi di attività più snelli ed efficaci specie nella fase di consulenza ed assistenza a quanti sbarcano per la prima volta in Romania.

Quanto al turismo proiettato verso Matera 2019, con l’enogastronomia che fa da attrattore, i flussi di visitatori dai Balcani verso l’Italia e la Basilicata – sottolinea –  è necessario ancora uno sforzo con una presenza costante degli sportelli turistici Italiani e regionali, presso Palazzo Italia.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*