Festa dell’albero 2017, il futuro non si brucia

I circoli e i partner della Legambiente si mobilitano sul territorio lucano

Il futuro non si brucia. È lo slogan che accompagnerà quest’anno la Festa dell’albero, l’iniziativa organizzata da Legambiente che oltre 400 appuntamenti organizzati in tutta la Penisola, per portare un messaggio di impegno collettivo per la rinascita del verde, con la piantumazione simbolica di nuovi alberi soprattutto nelle aree protette danneggiate dalle fiamme. Al centro delle iniziative, infatti, quest’anno ci sarà il tema degli incendi boschivi hanno dilaniato l’Italia non risparmiando neanche le zone di maggiore valore naturalistico. Tante aree protette, nazionali e regionali, sono finiti sotto la morsa del fuoco: dal Parco nazionale del Vesuvio al Cilento e Vallo di Diano, dal Gargano all’Alta Murgia, dalla Sila al Pollino, dalla Majella al Gran Sasso, dall’Appennino Lucano al Parco regionale Gola della Rossa e Frasassi, fino ad arrivare alla Val Susa e alle aree verdi della città di Roma. Nel 2017, secondo i dati elaborati da Legambiente (aggiornati al 30 ottobre scorso), sono andati in fumo, solo nel nostro Paese, ben 140.430 ettari di superfici boschive. Proprio per questo Legambiente quest’anno si avvale del supporto dei partner tecnici Federlegno Arredo, ConLegno, Assocarta e l’Associazione Forestale Italiana, grazie ai quali verrà promossa una piantumazione simbolica che porti un messaggio di impegno collettivo per la rinascita del verde in oltre 10 aree protette italiane.

Sempre nell’ambito della Festa dell’Albero 2017, sarà celebrata la Giornata nazionale dell’Albero, promossa dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, attraverso la realizzazione di un percorso di educazione ambientale che coinvolgerà le classi e che durerà fino ad aprile 2018. L’obiettivo è quello di richiamare l’attenzione degli studenti sull’insostituibile valore degli alberi e dei boschi per il nostro pianeta. Attraverso materiale didattico, incontri e attività Legambiente stimolerà la riflessione sui cambiamenti climatici, l’uso del suolo, il risparmio delle risorse e a conclusione del percorso verrà promosso il concorso fotografico “Il futuro non si brucia”

I Circoli territoriali della Legambiente Basilicata hanno organizzato, in collaborazione con diversi partner a livello locale, una serie di iniziative volte a far conoscere il mondo degli alberi ed il grande patrimonio che esso rappresenta per il nostro Pianeta. Gli appuntamenti sono stati pensati per un particolare coinvolgimento delle giovani generazioni, puntando sia alla conoscenza diretta delle diverse attività dell’associazione che all’impegno comune per attività di piantumazione, pulizia e manutenzione di aree verdi.

Mettere a dimora un albero è un gesto d’amore per il proprio territorio, vuol dire prendersene cura. Ed è per questo che molte delle attività legate alla Festa dell’Albero 2017 rientrano all’interno delle esperienze del progetto “Taking Care – la cura dell’ambiente, la cura degli altri” finanziato dalla Fondazione Con il Sud e finalizzato a mettere in campo azioni volte ad innescare processi di partecipazione, attraverso l’adozione e la cura di “pezzettini” di Basilicata da parte dei Circoli locali della Legambiente

Di seguito l’elenco degli appuntamenti in programma nella Regione:

21 Novembre

Policoro ore 9:30, Castello di Policoro “Un albero per ogni classe” – giornata di sensibilizzazione degli studenti dell’Istituto Comprensivo 2, con successiva piantumazione di 35 fra alberi e piccoli arbusti;

Grumento Nova ore 10:30, località “San Biagio” – giornata di riflessioni e pensieri sul valore degli alberi con i ragazzi dell’ICS “Leonardo Da Vinci” in collaborazione con il CEAS Bosco dei Cigni;

Matera ore 10:00, scuola “Francesco Saverio Nitti” – piantumazione alberi da frutto donati dall’Amministrazione Comunale, con la presenza dell’Assessore Adriana Violetto e dei volontari del Circolo Legambiente;

Matera ore 11:00, I.C. Via Fermi – prosecuzione del progetto “Cresciamo Insieme”, in collaborazione con l’Istituto Agrario “Gaetano Briganti” e il Collegio Provinciale dei Periti Agrari di Matera;

Rotonda ore 10:30, Ecomuseo del Parco Nazionale del Pollino “Un albero per il tuo Parco” – celebrazione della Festa dell’Albero organizzata dal Parco Nazionale del Pollino, con la partecipazione degli alunni dell’Istituto Comprensivo “Don Bosco”;

Potenza ore 11.00, Teatro Francesco Stabile “Le magnolie di Piazza Mario Pagano raccontate ai ragazzi” – presentazione e firma del protocollo d’intesa fra Amministrazione Comunale e Ordine degli Agronomi in merito al censimento delle aree verdi, con la partecipazione dell’Istituto Comprensivo “Torraca Bonaventura” e piantumazione delle magnolie in Piazza Mario Pagano;

Potenza ore 15.00, C/da Bucaletto – messa a dimora di alberi e piantine, da parte dei volontari del Circolo “Ken Saro Wiwa”, presso l’area verde della Scuola Primaria “Gianni Rodari”, assieme agli alunni ed ai genitori con partecipazione al concorso fotografico nazionale della Legambiente “il futuro non si brucia”;

Dal 22 Novembre

Circolo Legambiente Pisticci, messa a dimora di alberi e piante nelle aree più soggette al rischio idrogeologico, in collaborazione con le scuole del territorio, programmazione di diverse iniziative divulgative e pratiche fino alla metà del mese di dicembre 2017;

25 Novembre

Matera ore 10:00, abbellimento del “Giardino dei Momenti”, preso in cura dalle MOM “Mamme Materane all’Opera”, da realizzarsi in collaborazione con gli alunni della Scuola Primaria “Semeria”

26 Novembre

Potenza ore 9.30, Viale Firenze 60/C, Parco Baden Powell – la “Banda del Cigno” e il Circolo SVA Legambiente Potenza, organizzano una giornata di approfondimento sul mondo degli alberi e delle specie vegetali con conseguente scoperta delle specie presenti nel Parco Baden Powell e messa a dimora di piccoli arbusti nello spazio antistante la sede locale della Legambiente;

30 Novembre

Matera ore 9:30, Scuola dell’Infanzia “Minozzi e Cappellutti” – piantumazione alberi da frutto ed essenze con l’utilizzo di materiali di recupero per la messa a dimora, in collaborazione con gli alunni della scuola coinvolta.

Commenta per primo

Rispondi