CONSORZIO TURISTICO MARATEA SOSTIENE SINDACO CIPOLLA

Condividiamo e sosteniamo la presa di posizione del sindaco di Maratea Domenico Cipolla perché l’ennesima chiusura della SS 18, in località Acquafredda di Maratea, è l’ennesima sciagura che si abbatte soprattutto sulle nostre spalle. Ad affermarlo è Biagio Salerno presidente del Consorzio Turistico Maratea a nome di tutti gli albergatori ed attività turistiche della costa tirrenica.

Al solo pensiero che la situazione di queste ore si potrebbe verificare a ridosso di Capodanno, in occasione dell’evento della diretta Rai da Maratea – aggiunge – ci fa sudare freddo perché stiamo lavorando sodo, di intesa con il Comune, per accogliere nel migliore dei modi visitatori ed appassionati di musica e utilizzare al meglio questa formidabile opportunità di promozione. Del resto, oltre alla presenza di personaggi importanti del cinema che stanno girando ormai da mesi scegliendo i più bei paesaggi di Maratea, quali il cast del film di produzione Usa “Trust”, da giorni anche Laura Pausini è da noi, ospite della mia struttura alberghiera, per girare un video, a testimonianza delle grandi potenzialità della città tirrenica, della costa e dell’hinterland.  Ma – continua Salerno – rendere raggiungibile il nostro comprensorio è il fattore essenziale per evitare che persino le produzioni cinematografiche e musicali decidano di rivolgersi altrove.

Fa bene pertanto il Sindaco Cipolla a denunciare lo scarica-barile di responsabilità e ad esigere da tutti gli enti della Pubblica Amministrazione impegni concreti. Anche noi – è scritto nella nota del Consorzio – durante la scorsa estate abbiamo svolto un ruolo di costante segnalazione dei danni provocati dagli incendi e dalle periodiche chiusure della SS 18 che hanno prodotto disdette di camere già prenotate nei sei alberghi (oltre ai numerosi B&B e case vacanza) di Acquafredda di Maratea sino al 50%, presenze di turisti rispetto allo stesso periodo del 2016 inferiori sino al 70%, fatturati di imprese alberghiere e ricettive del 50% in meno rispetto ad agosto di un anno fa, sino a costringere alcuni albergatori a preannunciare il licenziamento dei dipendenti stagionali (una sessantina in totale). Siamo stanchi di continuare a lanciare grida d’allarme che – dice  Salerno – riguardano il settore ricettivo più consistente di Maratea con oltre 500 posti letto, una quarantina di punti di ristoro, attività commerciali, ecc., una decina di stabilimenti balneari con ripercussioni su tutto il turismo e l’economia marateota. Chiediamo ad istituzioni ed autorità competenti di predisporre un piano fondato principalmente sulla prevenzione di frane, smottamenti, specie in questa stagione autunnale, e per fronteggiare ogni altro tipo di calamità anche se rispetto agli incendi boschivi abbiamo seri dubbi che si possa parlare di calamità.

Continuiamo ad insistere – conclude Salerno – si faccia in fretta per scongiurare che il migliore spot per Maratea (L’Anno che verrà) non si possa tradurre nella peggiore brutta figura.

 

Consorzio Turistico Maratea

                                           Il Presidente

                                                                                                      Biagio Salerno

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*