Confcooperative Basilicata “casa” delle imprese sociali

La riforma del terzo settore con l’impresa cooperativa motore di sviluppo locale e economico

Si è svolto martedì scorso a Potenza, al Park Hotel, il workshop organizzato da Confcooperative Basilicata sulla riforma del Terzo settore. Tante le novità e le opportunità per le cooperative e in particolare per le cooperative sociali che diventano imprese sociali di diritto, e più in generale per il Terzo settore, guadagnando in questo modo una posizione centrale. Ma cosa significa impresa sociale? Su questo argomento si sono alternati Lina Bonomo, Presidente Federsolidarietà Basilicata; Vincenzo De Bernardo, Direttore Nazionale Federsolidarietà, e Toni Della Vecchia, Capo Servizio Legislativo Legale Fiscale Confcooperative.  Dopo una breve presentazione del Decreto legislativo da parte di Giuseppe Bruno, Presidente Confcooperative Basilicata L’impresa sociale non è un nuovo soggetto giuridico, ma una nuova qualifica. Un traguardo importante che offre diversi vantaggi e che sicuramente comporta degli adeguamenti. I tre interlocutori si sono alternati facendo un excursus sull’esperienza coperativa, dalle origini agli obiettivi per il futuro e che con il decreto legislativo del 3 luglio 2017, n. 112, si rinnova e diventa più impresa e più sociale purché abbia delle caratteristiche ben precise: lo scopo dell’ interesse generale, assenza di finalità di lucro, utilità sociale, e coinvolga altri soggetti interessati alla loro attività. Queste ed altre le tematiche affrontante, tema importante per Confcooperative che è la principale organizzazione di rappresentanza, assistenza, tutela e vigilanza del movimento cooperativo italiano e delle imprese sociali anche in Basilicata.

 

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*