Nella chiesa del Monastero Santa Chiara di Grottaglie (TA) tornano a risplendere i quattro frontespizi

Dopo quattro mesi si sono conclusi i lavori seguendo i punti fondamentali della Carta del Restauro 1987: riconoscibilità, reversibilità, compatibilità, intervento minimo, rispetto della patina (tempo di vita dell’opera)

Nella chiesa del Monastero Santa Chiara di Grottaglie (TA) tornano a risplendere i quattro frontespizi

Il progetto, curato dalla restauratrice Pina Munno, è stato attentamente seguito e valutato positivamente dalla Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio per le province di Brindisi, Lecce e Taranto

Dopo quattro mesi di lavoro tornano al loro splendore i quattro frontespizi degli alteri di Sant’Antonio di Padova, San Matteo, Santa Chiara e l’Immacolata nella chiesa del Monastero Santa Chiara di Grottaglie (TA).

Da una prima analisi lo stato di conservazione dei frontespizi si è presentato nel complesso in buone condizioni. In alcune parti si sono notati subito vecchi interventi di restauro e, al di sopra della nicchia dell’altare dell’Immacolata, la mancanza di un pezzo dell’ala dell’angioletto, parti di cornice e spigoli.

Nei frontespizi degli altari di San Matteo, di San Antonio, di Santa Chiara e dell’Immacolata, le superfici erano ricoperte da depositi di differenti origini tra cui sostanze grasse, polvere e materiale dovuti al transito di insetti. I frontespizi erano ridipinti grossolanamente in grigio e tutto questo ha causato un offuscamento che impediva una corretta percezione dei valori tonali e cromatici.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il programma di restauro si è articolato seguendo i punti fondamentali della Carta del Restauro 1987: riconoscibilità, reversibilità, compatibilità, intervento minimo, rispetto della patina (tempo di vita dell’opera).

Il recupero ha interessato diverse fasi: spolveratura, pulitura, incollaggio, integrazione e ripristino del colore e rilievo fotografico.

La conclusione dei lavori ha restituito ai quattro i frontespizi la luce ed i colori originari, permettendo così di ridare loro l’aspetto maestoso di un tempo.

Il progetto, curato dalla restauratrice Pina Munno, è stato attentamente seguito e valutato positivamente dalla dottoressa Caterina Ragusa, funzionario della Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio per le province di Brindisi, Lecce e Taranto su commissione della Madre Abbadessa Pierpaola Nistri.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*