Proposta di legge regionale “Promozione e valorizzazione dell’invecchiamento attivo e della solidarietà tra generazioni”

Spi Cgil, Cisl Fnp, Uil Pensionati:

“La legge venga approvata e resa attuativa il prima possibile”

 

Sarà all’ordine del giorno del prossimo consiglio regionale che si terrà il 24 ottobre la proposta di legge regionale “Promozione e valorizzazione dell’invecchiamento attivo e della solidarietà tra generazioni” dei sindacati confederali dei pensionati Spi Cgil Basilicata, Fnp Cisl Basilicata e Uilp Uil Basilicata e presentata in consiglio regionale d’iniziativa dei consiglieri Giannino Romaniello, Roberto Cifarelli  e l’allora Francesco Pietrantuono.

La proposta di legge, approvata all’unanimità dalla Quarta Commissione Consigliare Permanente il 17 novembre 2016 e successivamente dalla Seconda Commissione Consigliare Permanente, era all’ordine del giorno dei precedenti consigli regionali tenutisi nel mese di settembre e ottobre.

Obiettivo della proposta è valorizzare le esperienze formative, cognitive, professionali e umane maturate dalla persona anziana nel corso della vita, promuovere e valorizzare l’invecchiamento attivo sostenendo politiche integrate a favore degli anziani e contrastare i fenomeni di esclusione e di discriminazione promuovendo azioni che garantiscano un invecchiamento sano e dignitoso e rimuovano gli ostacoli a una piena inclusione sociale.

“Si tratta di una legge innovativa, che guarda all’anziano come una risorsa per la società e non a un “costo”, favorendo l’integrazione attiva nella comunità in cui vive  – affermano Allegretti, Zuardi e Tortorelli – Vivere meglio consente all’anziano di stare in buona salute e permette una riduzione della spesa sanitaria, liberando risorse da investire in nuove occupazioni con conseguenze positive sul welfare lucano. Ecco perché è importante che questa proposta di legge venga approvata il prima possibile e diventi attuativa. Unitamente all’accordo con l’Anci Basilicata per l’invecchiamento attivo, alla definizione dei Piani intercomunali socio sanitari e socio assistenziali e all’approvazione della legge regionale SIAP “Sistema integrato per l’apprendimento permanente ed il sostegno alle transizioni nella vita attiva” candidiamo la Basilicata a essere vero e proprio modello virtuoso in termini di cura degli anziani”.

Tre sono gli assi portanti della proposta: programmazione triennale degli interventi quale piano strategico e sistemico per l’attuazione delle finalità presenti nella legge tramite l’istituzione della “Consulta regionale per l’invecchiamento attivo” costituita dall’assessore alla Salute e alle Politiche sociale e le forze sociali interessate, apprendimento permanente, prevenzione e benessere in linea con i Piani socio sanitari e socio assistenziali previsti sul territorio regionale, cultura e tempo libero,  impegno e volontariato civico attraverso il coinvolgimento degli enti locali territoriali e del Terzo settore.

“In una regione che invecchia sempre più e dove il tasso di emigrazione giovanile è in aumento – concludono i segretari – è necessario che venga garantito un futuro ai giovani e agli anziani la possibilità di invecchiare dignitosamente. E la proposta di legge sull’invecchiamento attivo, congiuntamente ad altre misure, è uno degli strumenti utili”.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*