MATERA SI MUOVE : TASSA DI SOGGIORNO, ATTACCHI PERSONALI E PREGIUDIZIALI DI ALCUNI OPERATORI ALBERGHIERI INGIUSTIFICATI E PRETESTUOSI

Da alcuni giorni va in scena una interminabile polemica, a tratti pretestuosa,  con ingiustificati decadimenti di stile  e toni  che stanno trasformando un naturale confronto in qualcosa cha sa piuttosto di pregiudizi  personali  tra un gruppo di operatori alberghieri nei confronti dell’ Amministrazione Comunale e dell’Assessore Sen. Adriana Poli Bortone. Francamente non comprendiamo i reali motivi di tale accanimento.

La sen Adriana Poli Bortone assessore al Turismo della Città  ha i numeri, una storia e un’indiscussa capacità di amministrare e fin dall’inizio ha dimostrato di voler avere un comportamento trasparente e collaborativo partendo proprio dalle numerose e frequenti consultazioni con associazioni di categoria ed operatori del settore turistico, nell’esclusivo interesse di far crescere la nostra città anche in termini di qualità e cultura dell’accoglienza sicchè siamo certi delle positive ricadute che il suo operato basato su capacità, qualità ed esperienza, porteranno sulla Città di Matera.

Ovviamente nessuno vuol eludere e soffocare un civile confronto sull’argomento che in taluni aspetti evidenzia istanze di estrema importanza e rilevanza come la destinazione dei proventi, le modalità di impegno e le decisioni relative a chi e come spendere tali entrate.

Ma a tutto c’è un limite soprattutto all’arroganza di chi ritiene di dover stabilire, convocare e sconvocare tavoli di confronto, decidere anche chi debba o non debba parteciparvi, se a porte chiuse o aperte e minacciare “rotolamenti di teste”, trattando le persone come zerbini o utili idioti ove mai fossero solo dissenzienti o meri  portatori di visioni ed interessi oggettivi  non già egoistici e personali.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*