Tra i due mari contro le discriminazioni: a Taranto il 20 ottobre fa tappa il Net. Work Tour

Dopo un’estate caratterizzata dall’aumento di ogni tipo di discriminazione e atteggiamento xenofobo, CIDIS Onlus ha deciso di riportare l’attenzione sulle diverse forme di tutela e di contrasto dei razzismi e delle disuguaglianze. “Per farlo, viaggeremo per l’Umbria, la Campania e la Puglia, portando in piazza il nostro camper antidiscriminazione”. È questa la sostanza del Net.Work Tour, il tour di sensibilizzazione su quattro ruote che viaggerà per quindici piazze dell’Italia centro-meridionale (Umbria, Campania e Puglia) con l’obiettivo primario del contrasto alle varie forme di discriminazione che i cittadini stranieri subiscono nell’accesso al mercato del lavoro e nei diversi ambiti di vita: accesso ai servizi, scuola, tempo libero.

La campagna fa parte del progetto Net.Work – Rete Antidiscriminazione di cui Cidis Onlus è capofila, realizzato in partenariato con Arci Napoli, ASGI (Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione), L’IRISS, l’Istituto di Ricerca sull’Innovazione e i Servizi per lo Sviluppo del CNR, CSC – e con il patrocinio di diversi enti pubblici, (tra cui i comuni di Napoli e Bari, e la regione Umbria).

Il camper contro la discriminazione è partito da Foligno il 23 settembre, è già passato da Perugia e da Terni e la prossima tappa sarà Taranto, prima meta pugliese. In ogni piazza il camper funziona come punto di accoglienza e informazione sulle tematiche legate all’antidiscriminazione, all’intercultura e all’antirazzismo, anima incontri pubblici, allestisce mostre fotografiche itineranti, offre consulenza alle vittime di comportamenti discriminanti e diffonde materiali informativi e di consultazione sulla realtà del mondo dell’immigrazione.

Per ogni tappa vengono realizzati eventi tematici legati alla realtà del territorio, a Taranto infatti il 20 ottobre prossimo per l’intera mattinata si terrà la manifestazione: “Tra i due mari contro le discriminazioni”, all’interno del palazzetto dello sport Valentino Mazzola, con la collaborazione delle realtà associative locali Babele, Campagna Welcome, Uisp e il nodo territoriale di Libera Taranto (associazioni, nomi e numeri contro le mafie).

La mattinata si dividerà tra un momento di sensibilizzazione in tema di flussi migratori e un momento di sport contro la discriminazione.

Dalle 9.00 si partirà con un incontro pubblico con Ahmad Al Rousan, coordinatore dei mediatori culturali di Medici Senza Frontiere e testimone diretto dei salvataggi, i giornalisti Gaetano De Monte e Giulia Presutti, autrice del documentario Un tratto della tratta – che per l’occasione sarà videoproiettato al Palamazzola – e la dottoressa Irene Masci di CIDIS Onlus, che insieme discuteranno della realtà degli arrivi via mare e dell’accoglienza di rifugiati e richiedenti asilo, cercando di fare chiarezza sul ruolo fondamentale che ricoprono le ONG.

In contemporanea, grazie all’incontro con l’antenna locale antidiscriminazione, l’Unione Italiana Sport Per Tutti, si terranno diverse rappresentazioni sportive di: tiro con l’arco, baseball, pallavolo e calcio, che vedranno impegnate alcune classi del liceo scientifico Ferraris e i richiedenti asilo e protezione internazionale ospitati dall’associazione di promozione sociale Babele. Quest’ultima associazione è già partner nel progetto di Uisp: “Sportantenne: prevenzione, emersione e mediazione per combattere le discriminazioni” finanziato nell’ambito del Fondo asilo, migrazione e integrazione 2014-2020.

Saranno inoltre esposti alcuni scatti di Andrea Rotelli durante la marcia #overthfortress (la carovana che ha raggiunto la Grecia e il confine greco-macedone a marzo del 2016), che offrono  una narrazione per immagini dei campi profughi di Idomeni.

Per maggiori informazioni:

http://www.networkantidiscriminazione.it/

https://www.youtube.com/channel/UCFVC571j81fd0L3kqhfStSw

https://www.premiorobertomorrione.it/tag/un-tratto-della-tratta/,

https://www.youtube.com/watch?v=ul0bCjEVLHE

https://www.facebook.com/networkagainstdiscriminations/

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*