Al Ce.CA.M presentazione del libro: “La felicità senza internet” di Felice Lafranceschina e Daniela Servidone

Al Ce.C.A.M. (Centro Cultura Arte Magnagrecia) di Marconia (MT), impegnata da sempre, in un assiduo e costante lavoro all’interno del territorio, a promuovere e proporre eventi di cultura, per creare nutrimento dell’animo e della mente attraverso l’arte in tutte le sue forme, proprio come questa volta, sabato prossimo 21 OTTOBRE dalle ore 18:30 dove si terrà la presentazione del libro di Felice Lafranceschina e Daniela Servidone  “La felicità senza internet” (Neos Edizioni-2016- Torino).

Introdurrà Giovanni Di Lena, presidente del Ce.CA.M., interverranno la Prof.ssa Giuseppina Lo Massaro (Presidente UNITRE di Marconia) e il Dr. Pino Lettini ( Ass.re al Bilancio del Comune di Pisticci).

Sarà presente il coautore del libro, Felice Lafranceschina,  originario di Ferrandina (MT) e vive da molti anni a Torino dove svolge la professione di ingegnere. E’ stato tra i fondatori dell’Associazione “Carlo Levi” ed è presidente del “Centro Culturale Lucano”.

Ha diretto per più di vent’anni la compagnia Umoristica dello Skander Teatro. Ha pubblicato: I cattolici e la sinistra (Assisi 1977); Carlo Levi, la Basilicata e il terremoto (Torino 1982); A piedi sul Pollino (Francavilla 1991); Trenta giorni di nave a vapore (Potenza 1991); la felicità da Epicuro a Marx (Torino 2008); Ciarlatani di sempre (Torino 2010) e Men che schiavo (Potenza 2013).

Daniela Emilia Servidone, l’altra coautrice (non presente alla presentazione di Marconia), nata a Cuneo ma vive a Torino dove fa l’Antropoanalista ed è socio onorario della SGAI (Società Gruppo Analitica Italiana), è un medico, una sessuologa e una terapeuta che ha scelto di occuparsi proprio della Felicità e dal sollievo dal dolore. Scrittrice esordiente, il suo racconto “La Spigolatrice di Sapri” è stato pubblicato sulla rivista di Antropoanalisi della SGAI.

“La felicità senza internet” è un testo che contiene ventuno paragrafi-riflessioni sulla giustizia e la felicità. Si tratta di una disamina storico – filosofica che parte dalla Grecia Classica, culla del pensiero occidentale, per arrivare all’attualità, periodo in cui la Grecia attraversa  per una serie di motivi politici-economici una crisi sociale mai verificatasi nella storia  di Stato democratico. E tutto ciò malgrado la società del benessere si sia estesa, la ricchezza sia stata ridistribuita ed estinta un “Welfare State” ancora in piedi. Quali le cause? Gli autori sviluppano analisi e interpretazioni chiamando a rispondere anche la politica dell’Unione Europea e in particolare la politica economica tedesca.

Di fatto gli antichi Greci se ne intendevano: il fine ultimo dell’uomo era la felicità, intesa come Bene e Giustizia, tranquillità dell’animo, non turbato dai timori e dalle passioni. L’assenza di turbamenti ai giorni nostri è sufficiente a mantenerci felici, possiamo accontentarci ?  Forse si, perché la Felicità come dice Totò  <<Non esiste e se esiste coincide con i momenti in cui ci dimentichiamo dei mali dei dolori e delle sofferenze>>.

“Ciascuno ha da portare una Croce e la felicità, creda a me non esiste. Forse esistono momenti minuscoli di felicità e sono quelli durante il quale si dimenticano le brutte cose. La felicità è fatta di attimi di dimenticanza.  Se è vero che tormenti e sofferenze fanno parte di questo mondo, sarebbe bello che questi attimi durassero all’infinito, ma sarebbe ancor più bello che la nostra gioia si specchiasse in quella degli altri e tutti ne potessimo gioire, e come specchio l’uno a l’altro rende (cit. Purg XV).

Reportage : (Addetto stampa Ce.CA.M.  Lino De Marsico)

Commenta per primo

Rispondi