LABRIOLA (POLICORO IDEALE): RECUPERARE L’EX ZUCCHERIFICIO

“La Regione Basilicata promuove la valorizzazione e la fruizione del patrimonio di archeologia industriale presente sul proprio territorio, riconoscendone il valore che esso riveste per la cultura e per lo sviluppo economico regionale”.

….Per patrimonio di archeologia industriale – si legge in una nota a firma del portavoce di Policoro Ideale, Francesco Labriola – si intende il complesso dei beni immateriali e materiali non più utilizzati per il processo produttivo, che costituiscono testimonianza storica del lavoro e della cultura industriale presenti sul territorio regionale, quali: i complessi industriali, le fabbriche e le relative strutture di servizio e di pertinenza, le macchine e le attrezzature, i prodotti originali dei processi industriali, gli archivi, le raccolte librarie e documentarie, ivi comprese quelle relative a disegni, fotografie e filmati, le collezioni e le serie di oggetti riguardanti l’industria, nonché i siti estrattivi dismessi.

La notizia del via libera della seconda commissione della proposta di legge per la valorizzazione del patrimonio archeologico industriale impone anche all’amministrazione comunale di Policoro una iniziativa tesa al recupero ed alla valorizzazione dell’ex opificio dello Zuccherificio di Policoro.

Noi di “Policoro Ideale” proponiamo all’amministrazione comunale di proporre alla regione Basilicata la acquisizione a patrimonio pubblico dell’ex opificio, relativamente al manufatto industriale, oggi di proprietà privata ed in stato di abbandono; non si ripeta l’errore del Castello di Policoro..

L’iniziativa congiunta – conclude Labriola – permetterebbe di programmare, con la prossima legge regionale, una nuova destinazione, conservando la struttura architettonica industriale ma per finalità di valorizzazione del territorio”.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*