Leo Montemurro nuovo Presidente della Cna Basilicata. Eletto all’unanimità dal congresso regionale tenutosi a Matera nei giorni scorsi

Cambio al vertice alla Cna di Basilicata, Leo Montemurro Presidente Provinciale Cna Matera è stato eletto all’unanimità Presidente regionale  dall’assise  dei delegati riunitasi a Matera nei giorni scorsi. Subentra a Giovanni Coretti che ha guidato la Cna regionale negli ultimi 8 anni, nominato dall’assemblea Presidente Onorario.

“Il programma di mandato, dichiara Montemurro, che intendo perseguire nell’esercizio delle mie funzioni politiche è incentrato principalmente sul rafforzamento dell’identità associative delle  imprese socie che ci chiedono a gran voce di essere, oggi più che in passato,  ben rappresentate,  tutelate, accompagnate nei propri progetti di sviluppo e  di poter contare su servizi di qualità .

E quest’ultimo aspetto, afferma Montemurro, è molto importante per tutti i nostri soci siano essi imprenditori, pensionati o cittadini .  Ma queste quattro condizioni mi hanno portato a tracciare in maniera chiara l’identikit della Cna di Basilicata degli anni a venire: una Cna più forte dal punto di vista sindacale che cresce nel numero dei propri associati, estesa e ramificata su tutto il territorio regionale. La forza dei numeri non sempre, ma spesso, aiuta in una efficace azione di lobbying sia nei confronti delle Istituzioni ma anche delle altre Organizzazioni di categoria e sindacali. Da qui quindi la necessità di rafforzare la nostra presenza sul territorio riqualificando e rafforzando l’azione delle sedi già presenti ma creandone di nuove attraverso la rete dei collaboratori già sperimentata con risultati positivi in alcune aree della Regione.

I presidi territoriali, continua Montemurro, dovranno essere affiancati da una presenza costante della parte politica della Associazione ma anche da un rinnovato protagonismo  della parte funzionariale, cui la riforma approvata dalla Direzione nazionale Cna nell’aprile scorso affida nuovi compiti da svolgersi in stretto raccordo con i gruppi dirigenti. Solo una presenza fisica di qualità sui territori ci può consentire di svolgere al meglio la nostra funzione di tutela , di intervenire al meglio a difesa delle categorie nostre rappresentate siano esse quella dei semplici cittadini ( Cna Cittadini Card), degli Imprenditori o dei Pensionati. Una Associazione vicina alle imprese la si vede dalla vicinanza ai territori, non solo con una presenza attiva e partecipe nei due capoluoghi di provincia, importante ma non esaustiva della funzione e del compito che l’Associazione deve svolgere in questo ” tempo nuovo” che stiamo vivendo.

Tutto questo potremo svolgerlo al meglio in Basilicata se lavoreremo concretamente da subito senza indugiare oltre alla concreta realizzazione della Cna unica di Basilicata, prendendoci il giusto tempo per non fare scelte azzardate e senza fondamento, ma sapendo bene che questa unificazione avremmo dovuto farla già ieri e che domani potrebbe già essere troppo tardi.

Il poco tempo di cui disponiamo è più che sufficiente per convincerci tutti che la Cna unica di Basilicata non è solo una scelta ineludibile, sulla,falsa riga di quanto già accaduto per autorevoli Istituzioni  pubbliche , ma l’unica per rispondere all’ultima chiamata delle imprese al riguardo. O ci evolviamo o ci estinguiamo come sistema di rappresentanza delle imprese appartenenti al grande Sistema Nazionale della Cna.

Le cose da fare sono tante, conclude Montemurro, ma più avremo  una unità di visione regionale, una “governance” forte, non più affidata a pochi uomini che in questi anni si sono assunti l’onere e l’onore di rappresentare nel bene o nel male l’Associazione, ma ad una pluralità di persone, forti delle loro individualità, ma capaci di mettere le loro competenze  e capacità al servizio di un ambizioso progetto quale è quello di costituire una grande Cna in Basilicata, allora nulla ci sarà precluso ed anche obiettivi oggi fuori della nostra portata diventeranno, invece, raggiungibili. Pochi “eletti” tra i quali voglio citare  e ringraziare anche il past Presidente Coretti per l’impegno profuso in questi anni, ma in grado di essere guida nelle loro comunità e punti di riferimento in un gruppo dirigente regionale all’altezza delle sfide epocali che ci attendono. Per una CNA sempre più grande, unita e coesa al servizio del mondo imprenditoriale di Basilicata e dell’intera Italia.”

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*