MONTESCAGLIOSO: FURTO A SCUOLA, RUBATA LA TECNOLOGIA MA NON LA SPERANZA

Gli alunni  ed i docenti dell’ Istituto “Palazzo-Salinari” di Montescaglioso saranno purtroppo costretti a fare a meno di strumenti didattici di grande opportunità formativa:  questa mattina, all’apertura mattutina dei cancelli, la dura sorpresa: i ladri hanno divelto la finestra di un’aula del cortile esterno della sede centrale di Rione Marco Polo, forzato tutti gli ambienti  e le casseforti, danneggiato suppellettili ed arredi scolastici. Hanno sottratto 20 tablet ed una decina di notebook,   per un danno che ammonta a circa 20  mila euro.

Dotazione  didattica acquisita  dalla scuola dopo anni di progettazione partecipata (classi 2.0 e progetti PON), finalizzata  ad ampliare, mediante i percorsi  di didattica digitale,  le competenze degli alunni.

Derubare é sempre un gesto deprecabile, in questo caso,  è stata derubata la comunità tutta,  poichè la formazione delle giovani generazioni è la prima risorsa di un territorio e non solo; per dirla con le parole della Prima Carica dello Stato, Pres. Sergio Mattarella, qualche giorno fa a Taranto: “Quando si danneggia una scuola viene ferita in realtà l’intera comunità nazionale”.

Purtroppo il furto nella nostra scuola è solo uno dei tanti avvenuti negli ultimi mesi nella nostra provincia (scuole “Torraca” e  “Pascoli” a Matera,  I.C. di Grottole, Istituti della costa jonica), il ns. forte auspicio è che la comunità tutta e le Istituzioni del territorio possano, in sinergia, mettere in atto utili azioni per la messa in sicurezza degli Istituti scolastici, spesso privi di impiantistica dedicata, divenuti facile preda di delinquenti senza scrupoli.

Tanto al fine di non permettere che ulteriori atti possano perpetrarsi penalizzando la formazione degli studenti, della comunità e del lavoro appassionato, competente e convinto di chi, quotidianamente, nella scuola lavora. Con impegno e passione.

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

                                                                                                      Prof.ssa Antonia Salerno

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*