LAVELLO: GIORNATA MONDIALE FISIOTERAPIA, AL VIA I CORSI KINESI PILATES

Riconoscere il grande lavoro che i fisioterapisti svolgono per i loro pazienti e la comunità. Questo l’obiettivo della Giornata mondiale della Fisioterapia, che dal 1996 la WCPT (World Confederation for Physical Therapy) celebra ogni anno l’8 settembre: un’occasione per sensibilizzare l’opinione pubblica sui benefici e sull’importanza del ruolo del fisioterapista, oltre che l’opportunità per i professionisti e le organizzazioni di tutto il mondo di esaltare il loro contributo alla salute globale. Dunque il mese di settembre è dedicato alla fisioterapia. Di qui l’annuncio che dal 18 Settembre tornano a Lavello (Centro Fisioelle) i corsi di Kinesi Pilates con orari tutti nuovi.

Enrica Capogna e Isabella Rella, operatrici di Fisioelle Lavello, spiegano che a differenza di altri tipi di ginnastica, il Pilates non è un semplice insieme di esercizi, ma un vero e proprio metodo. È una tecnica rigorosa che richiede la consapevolezza del proprio corpo con impegno e costanza, è adatta a tutti e a tutte le età: corregge i difetti posturali e contrasta il rischio di irrigidimento articolare nell’età adulta.
La versatilità della tecnica ha permesso il suo utilizzo anche nell’ambito della riabilitazione.  La colonna vertebrale deve essere solida e mobile, pertanto tutto l’insieme (ossa, dischi intervertebrali, legamenti, muscolatura) deve funzionare in maniera perfettamente coordinata, quando si presenta un’alterazione di questo sistema, si installa uno squilibrio che genera tensioni anomale sugli elementi che costituiscono la colonna vertebrale e queste tensioni, a lungo andare, determinano la comparsa dei dolori, delle rigidità articolari e partecipano all’instaurarsi dell’artrosi. Il metodo è indicato nel campo della rieducazione posturale, in particolare gli esercizi della respirazione fanno acquisire consapevolezza del respiro e dell’allineamento della colonna vertebrale, rinforzando i muscoli del tronco, importanti per alleviare e prevenire il mal di schiena

Non stiamo parlando di un’attività sportiva qualsiasi ma – spiega Katiana Di Marco che affianca la madre Antonia Losacco nella gestione delle numerose attività del Centro di Lavello – di una metodologia che prevede la piena conoscenza del proprio corpo . Per questo è opportuno rivolgersi a centri specializzati con insegnanti qualificati. Il programma di esercizi si concentra sui muscoli posturali, cioè quei muscoli che aiutano a tenere il corpo bilanciato e sono essenziali a fornire supporto alla colonna vertebrale.  Una postura corretta è infatti favorita dal rafforzamento del baricentro.  Il controllo del baricentro viene inteso anche come stabilizzazione del bacino tramite il lavoro sinergico dell’aerea addominale e quella lombare, volto al mantenimento della posizione neutra. Un appropriato sviluppo del lavoro del baricentro comporta un minore dispendio energetico e una ridotta incidenza di infortuni e dolori lombari. Il Pilates  – sottolinea Di Marco – è un valido aiuto nella cura e prevenzione del mal di schiena tramite esercizi mirati con o senza gli attrezzi specifici.  Gli esercizi si eseguono sul tappetino, devono essere fluidi e perfettamente eseguiti, e vanno necessariamente abbinati ad una corretta respirazione. Nella sua forma più eccelsa il Pilates è “poesia in movimento”.

La Kinesi-Pilates è una ginnastica che insegna ad assumere una corretta postura e ad avere maggiore armonia e fluidità nei movimenti, utile soprattutto per chi soffre di mal di schiena.
Il metodo Pilates nasce all’inizio del 20° secolo da Joseph Pilates che cerca una sintesi tra mente e corpo. Il punto cardine è la tonificazione e il rinforzo della Power House, cioè tutti i muscoli connessi al tronco: addome, glutei, adduttori e mm lombari.
Fino a non molto tempo fa la sua applicazione era limitata all’ambiente dei ballerini classici, dopo è stato scoperto da atleti e gente comune. Negli ultimi anni il successo del metodo è aumentato notevolmente.
A differenza di altri tipi di ginnastica, il Pilates non è un semplice insieme di esercizi, ma un vero e proprio metodo. È una tecnica rigorosa che richiede la consapevolezza del proprio corpo con impegno e costanza, è adatta a tutti e a tutte le età: corregge i difetti posturali e contrasta il rischio di irrigidimento articolare nell’età adulta.
La versatilità della tecnica ha permesso il suo utilizzo anche nell’ambito della riabilitazione.

I principi basilari del metodo Pilates sono sei:

  1. La Respirazione, sempre ben controllata;
  2. Il Baricentro o Power House, deve diventare centro di forza e di controllo di tutto il corpo;
  3. La Precisione, ogni movimento deve avvicinarsi alla perfezione;
  4. La Concentrazione, la mente deve essere il supervisore di ogni singola parte del corpo;
  5. Il Controllo, non si devono effettuare movimenti avventati;
  6. La Fluidità, questo principio è la sintesi di tutti i concetti precedenti.

Il Pilates è un valido aiuto nella cura e prevenzione del mal di schiena tramite esercizi mirati con o senza gli attrezzi specifici, quando si sceglie questo metodo per la cura e la prevenzione del mal di schiena è opportuno rivolgersi a centri specializzati con insegnanti qualificati. Nella sua forma più eccelsa il Pilates è “poesia in movimento”.

Scheda

I vantaggi dell’allenamento Pilates:

  1. Migliora la postura: recupero dell’allineamento corretto della colonna vertebrale e miglioramento della postura, consapevolezza dei movimenti da evitare per prevenire e correggere le cattive abitudini.
  2. Elimina il mal di schiena: il Pilates tonifica la muscolatura addominale, la powerhouse, andando a creare un “bustino naturale” che rende la postura slanciata e protegge la schiena sostenendola e prevenendo futuri infortuni.
  3. Migliora la forza e la resistenza: senza provocare un aumento di volume muscolare, il corpo sarà più forte e riuscirà a lavorare più a lungo senza avvertire stanchezza. Inoltre, andando a correggere la postura e aumentando la flessibilità e la mobilità, l’energia e la resistenza del fisico miglioreranno a vista d’occhio.
  4. Migliora la coordinazione e l’equilibrio: allineando la colonna, rafforzando i muscoli del centro, aumentando la forza e la mobilità dell’organismo, si riducono le probabilità di lesioni ossee o muscolari.
  5. Aiuta a recuperare la forza dopo una lesione e previene da futuri traumi: Pilates è un’attività a basso impatto. La sua potenzialità è riconosciuta nella riabilitazione di alcune patologie, incluse quelle causate da attività sportive, agendo sul corretto movimento del corpo e aumentando la forza, previene alcune lesioni.
  6. Riduce la circonferenza di addome, glutei e cosce: Pilates lavora principalmente sulla tonificazione dei muscoli addominali andando a ricreare un “bustino naturale”, ovvero il risultato sarà una vita più sottile, dei glutei più sodi e delle cosce più affusolate e toniche.
  7. Previene l’osteoporosi: l’osteoporosi colpisce in particolar modo la colonna vertebrale, i polsi e le anche, andando ad indebolire la struttura ossea rendendola più fragile del normale con un aumentato rischio di fratture. Eseguendo regolarmente gli esercizi Pilates, si migliora la postura, la resistenza, la mobilità e la forza, che assieme prevengono e riducono i sintomi dell’osteoporosi.
  8. I risultati si ottengono senza dolori: Pilates si concentra su movimenti lenti e controllati che rafforzano i muscoli, curano le articolazioni, migliorano la flessibilità senza produrre sforzi eccessivi o movimenti esagerati.
  9. Diminuisce lo stress ed aiuta a rilassarsi: il Pilates prevede una stretta connessione tra corpo e mente. Il corpo va trattato con delicatezza, prestando attenzione ai segnali che questo invia e ascoltando i suoi ritmi naturali.
  10. Aiuta a dormire meglio: gli esercizi Pilates allungano i muscoli, sciolgono le tensioni, eliminano il dolore fisico; dopo aver esercitato i muscoli si è più rilassati e probabilmente con una leggera sensazione di stanchezza che favorirà il sonno e aiuterà a recuperare i ritmi naturali del corpo e della mente.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*