DAL CANADA UNA NUOVA RACCOLTA DI LIRICHE DI DAMIANO GAETA: TERRA DEL SUD

PISTICCI- “Terra del Sud” è la nuova raccolta di liriche pubblicata da Damiano Gaeta. Una vera e propria Anthologica di circa 180 composizioni in rima libera ma con attenta disposizione delle parole, che rievoca tematiche tra le più varie e dedicate, tra il nostalgico e la speranza di un futuro migliore per il suo paese nativo Pisticci, la famiglia, la natura, l’Italia, dalle emozioni più nascoste ai sogni infranti e mai realizzati. La ricca raccolta, dedicata ai suoi familiari più stretti, in sede di presentazione si affida ai ricordi del cuore e dell’anima, intesi come passioni vivamente sperimentate e vissute. Damiano Gaeta, sin da giovane, dopo gli studi inferiori,  si è trasferito a Calambrone (Pisa) per poi emigrare a 19 anni a Toronto in Canada dove ha intrapreso l’attività di falegname. Dopo aver pubblicato l’opera a quattro mani con la sorella Margherita (Margò) “Poesie parallele” ha dato alle stampe l’opera “Tramonto pisticcese” e quindi “Terra del sud”, intesa quale ponte ideale e di raccordo tra il mondo nuovo che lo ha adottato e la terra ed il paese di origine mai dimenticato anzi rivissuto in toni commossi e sinceri. Una molteplicità di esperienze poetiche caratterizzano dunque questa nuova silloge, intesa come strumento di lettura e di analisi per apprezzare ed amare di più la propria famiglia e la propria terra. Per Damiano Gaeta la poiesis si fa dunque musica che protende dal cuore e rievoca emozioni e ricordi, che sono dovunque dentro di noi stessi e che ci proiettano nell’universo. Se i versi dedicati alla natura sono tra i più suggestivi del libro, la lirica “Terra del sud” che dà il titolo alla raccolta rievoca e descrive, tra l’altro, una natura incontaminata dove i fiumi solitari serpeggiano, i monti si innalzano maestosi, con la mente che si inebria nell’attesa di una nuova luce o di una fonte di progresso. Ed è proprio in questo particolare contesto che sorgeva il vecchio paese natìo. L’opera è corredata da bellissime immagini di Pisticci che confermano il forte legame con le sue origini mai dimenticate.

GIUSEPPE CONIGLIO

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*