NOVITA’ IMPORTANTISSIME SULLA BONIFICA DELLA EX STAZIONE ESSO DI MONTALBANO

In data 11 marzo 2017, abbiamo chiesto alla Regione Basilicata e all’ARPAB (Agenzia Regionale per l’Ambiente Basilicata) di rivedere il Piano Unico di Bonifica della Ex stazione di servizio ESSO di Montalbano Jonico.

Con questa istanza chiedavamo nello specifico: che si facessero indagini anche oltre il mero perimetro della stazione carburanti, in considerazione del fatto che vi passasse una falda acquifera risultata fortemente contaminata e che scorre in direzione Nord-Est, e che si facessero indagini riguardanti anche altre sostanze.

Le richieste di INSIEME PER MONTALBANO sono risultate sensate perché in data 13 luglio 2017 l’ARPAB ci ha risposto condividendo il fatto che le indagini siano estese anche oltre il perimetro della stazione o della zona ad  immediato ridosso e che esse siano estese anche a elementi e composti non soltanto in connessione diretta con gli idrocarburi, come i metalli, l’arsenico, il mercurio e composti alifati clorurati che sono ritenuti altamente cancerogeni.

Ebbene in data 16 giugno 2017 sono stati effettuati prelievi di acqua nei pozzi 7 e 8, cioè sul marciapiedi comunale a confine con proprietà “De Ruggieri” e i valori di certuni elementi sono risultati altissimi, a seconda degli elementi da qualche centinaia di volte superiore al massimo consentito per legge a qualche migliaia. Mentre non si è riscontrata alcuna presenza degli alifati clorurati.

Per esempio il manganese è risultato nel pozzo n. 8 pari a 2199 nanogrammi a litro a fronte di un valore massimo di 50 nanogrammi. Il benzene (sostanza volatile) 767 a fronte di un massimo di 1,il m+p-Xilene presenta un valore altissimo, pari a 20.000 a fronte di un massimo di 10 nanogrammi a litro. Nel pozzo n. 5 (dentro il perimetro della stazione) il valore dell’arsenico è risultato pari a 14 nanogrammi a fronte di un valore massimo di 10 (prelievo del 02.02.2017), nel pozzo n. 8 l’arsenico è presente per 11 nanogrammi a litro a fronte di un valore massimo di 10.

Sono dati preoccupanti, rispetto ai quali sembra che l’Amministrazione comunale non se ne importi granchè. Non è un caso che l’ARPAB chieda, dopo l’analisi dei prelievi del 16 giugno, che l’analisi sia estesa anche alla lottizzazione “De Ruggieri” in direzione Nord –Est (sterrato senza pavimentazione per cui l’immissione in aria dei gas risultanti dall’esalazione potrebbe risultare più facile e meno ostacolata). Non è un caso che l’ARPAB chieda che il Sindaco (finora assente su questo problema che riguarda la salute dei cittadini) convochi una conferenza dei servizi per “una migliore valutazione dei risultati dei campionamenti” Nessuna notizia invece rispetto alla nostra richiesta sui composti chimici che verrebbero usati per neutralizzare la contaminazione del terreno.

Per quanto ci riguarda, su questo tema continueremo ad essere vigili e a dare ai cittadini quelle informazioni che l’Amministrazione Comunale sinora non ha dato irresponsabilmente.

Questo slideshow richiede JavaScript.

INSIEME PER MONTALBANO

Movimento Nazionale per la Sovranità

Montalbano Jonico

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*