Potenza: rinnovati gli organi di Fondimpresa Basilicata

L’Assemblea di Fondimpresa Basilicata ha rinnovato i suoi organi per il triennio 2017-2020. Alla presidenza è stato confermato il direttore generale di Confindustria Basilicata, Giuseppe Carriero, mentre nuovo vicepresidente è Michele Andriulli, segretario di Organizzazione della Cgil di Basilicata.

Fondimpresa è il Fondo interprofessionale per la formazione – tra Confindustria e Cgil, Cisl e Uil – che detiene l’indiscusso primato tra i Fondi interprofessionali. Lo testimoniano i numeri a conferma della solida realtà che rappresenta: 183.000 imprese aderenti con 4,7 milioni di lavoratori, a livello nazionale. In Basilicata sono ben 2192 le aziende aderenti e 28000 dipendenti. Numeri importanti per una realtà sempre più consolidata come riferimento della formazione bilaterale nella sua più affidabile ed efficace accezione.

L’Assemblea di Fondimpresa Basilicata ha provveduto anche a rinnovare il Cda che, oltre al presidente e al vicepresidente, sarà così composto: Gennaro Rosa per la Uil di Basilicata; Margherita Perretti e Antonio Leopardi Barra per Confindustria Basilicata; Luigi De Fino per la Cisl di Basilicata. Sono, inoltre, componenti dell’Assemblea: Michele Martino, Alessandra Mastro e Nicolino Antonio Sileo per Confindustria Basilicata; Rosario Chiacchio per la Cgil di Basilicata; Maria Lucia Pace per la Uil lucana e Giuseppe Amatulli della Cisl regionale.

“Lo scopo di Fondimpresa – ha ribadito il presidente Carriero – è quello di cercare di soddisfare, a costo zero, i fabbisogni formativi delle imprese, come ha saputo dimostrare in questi anni, con tempi ridotti e modalità gestionali semplici. Le adesioni, sempre crescenti, al fondo dimostrano che le imprese apprezzano questo strumento e usano la formazione quale canale essenziale di crescita e di competitività”.

“I benefici del fondo – ha aggiunto il vicepresidente Andriulli – sono concretamente misurabili anche per i lavoratori che in questo modo possono usufruire di percorsi formativi mirati a elevare le professionalità. Il continuo aggiornamento delle competenze è un fattore sempre più importante per tutti i lavoratori e in particolare per i giovani”.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*