STRADE RURALI A MONTALBANO: SI CHIEDE LA VERITA’ VERA

Gli  esponenti delle forze politiche di Fratelli d’Italia e Socialisti e Riformisti Lucani, ma alcuni di questi anche nel ruolo di passati amministratori comunali, sono scesi in piazza sabato 24 u.s. per partecipare alla cittadinanza lo stato dell’arte dei lavori di miglioramento delle strade rurali, avvenuti nella seconda metà del 2015.

Tali lavori di importanza strategica, per tutto il mondo agricolo montalbanese e non solo, sono stati finanziati dalla Regione Basilicata a valere sulla misura 125, per un importo  di euro 1.226.000=, su forte ed esplicita richiesta dell’amministrazione di centrodestra dell’epoca, al fine di ripristinare la viabilità danneggiata dalle alluvioni degli anni precedenti, ed in particolare quelle dell’ottobre e del dicembre 2013.

Il progetto preliminare aveva individuato ben tredici strade da migliorare, interessando tutto il territorio comunale, venendo approvato con delibera di giunta il 10 giugno 2014.

La gara d’appalto per la progettazione definitiva, esecutiva ed esecuzione dei lavori viene bandita nel successivo mese di agosto, e dopo circa 10 mesi la commissione di appalto aveva completato il suo lavoro, il tutto ottenendo l’approvazione dell’Area Tecnica, con determina n. 171/400 del 3 giugno 2015.

La neo giunta comunale di centrosinistra a sua volta approva il progetto esecutivo con delibera n. 225 del 7 agosto 2015.

I lavori sono stati effettuati tra il settembre e il novembre del 2015.

Con interrogazione a risposta scritta, il 7 novembre 2016 il consigliere comunale di minoranza, Marcello Maffia, aveva interrogato il sindaco per conoscere in modo analitico gli interventi effettuati ed il relativo costo per ogni singola opera rurale. Risposta fatta pervenire allo stesso consigliere comunale interrogante dopo più di 4 mesi, e solamente dopo aver interessato sua eccellenza il prefetto per sollecitarne appunto la risposta.

La nota, a firma dell’assessore ai lavori pubblici, stranamente, ma non quella del sindaco che riveste anche la delega dell’assessorato alla agricoltura, non ha del tutto convinto gli scriventi che hanno voluto verificare sul campo la effettiva realizzazione delle opere.

Da tale verifica sono venute fuori alcune incongruenze tra quanto attestato dalla casa comunale ed opere realizzate.

A meno che non abbiamo confuso le strade interessate dai lavori, gli stessi non rispondono  a quanto dichiarato nella predetta nota assessorile del 15 aprile scorso.

Ciò detto, abbiamo invitato pubblicamente i consiglieri di minoranza, ma anche quelli di maggioranza, di procedere con immediatezza alla verifica attraverso l’opera della commissione comunale agricoltura, affinché si possa chiarire un quadro che ad oggi appare quanto meno nebuloso.

Eventuali dinieghi o ritardi verranno considerati dagli scriventi come maldestri tentativi di silenziare il problema, che a questo punto sarà oggetto di attenzione non solamente della politica, ma anche da parte di altri organismi preposti al controllo della cosa pubblica.

Infine, ma non per ultimo, il goffo tentativo del sindaco Marrese, intervenuto in pubblica piazza, unitamente al direttore dei lavori, anziché portare chiarezza all’intera vicenda e dissipare dubbi, ha fatto calare su di essa ulteriore nebbia, con l’aggiunta di infantili bugie che rimetteremo al mittente a breve giro di posta.

30/06/2017

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*