RETE DEI MUSEI VALLO DI DIANO: PARTE L’INNOVATIVO PROGETTO DI PROMOZIONE TURISTICA

SUPPORTATO DALL’ASSESSORATO AL TURISMO DELLA REGIONE CAMPANIA

Firmato ieri sera, giovedì 29 giugno, a Padula, nella chiesa di San Nicola de Domnis, il protocollo d’intesa “Rete dei Musei del Vallo di Diano”. L’iniziativa, supportata dall’Assessorato al Turismo della Regione Campania,  è nata con l’obiettivo di attivare un programma di azioni congiunte per la valorizzazione del patrimonio museale del Vallo di Diano attraverso il miglioramento della qualità e dell’organizzazione delle strutture e dei servizi di informazione e accoglienza dei flussi turistici, nonché attraverso la creazione di una rete informale tra le principali emergenze culturali, ambientali e archeologiche del territorio.

La spinta propulsiva dei Musei del Vallo di Diano – hanno dichiarato i promotori della Rete Musei del Vallo di Diano, tra cui comuni, associazioni, fondazioni e privati che gestiscono i musei aderenti al protocollo d’intesa – scaturisce proprio dalla consapevolezza che il comparto del turismo ricopre una particolare importanza nel quadro delle politiche di sviluppo economico del territorio valdianese e assume una valenza strategica nella costruzione di un sistema capace di rafforzare la competitività e la capacità attrattiva dell’economia locale, garantendo la conservazione e, allo stesso tempo, la corretta fruizione delle risorse culturali, storiche e naturalistiche dell’area.

Presente l’Assessore al Turismo della Regione Campania, Corrado Matera, che ha prontamente sostenuto l’iniziativa. Ho sposato sin da subito questa proposta di costruire una rete dei musei del Vallo di Dianoha dichiarato l’assessore Materaperché la ritengo un’occasione importante per mettere a sistema un territorio con tante potenzialità e promuovere in maniera unitaria la “Città Vallo di Diano” individuata anche con la strategia delle Aree Interne.  Abbiamo attivato in Regione una serie di azioni nella direzione della valorizzazione del Vallo di Diano, ad esempio il progetto di viabilità ItaloBus per il collegamento tra le grandi città e il Vallo di Diano con l’Alta Velocità,  gli itinerari turistici connessi al progetto dell’Autostrada del Mediterraneo, in cui è inclusa anche la Certosa di Padula, e la promozione del cammino religioso-turistico campano che mette insieme le certose di San Giacomo di Capri, San Martino di Napoli e San Lorenzo di Padula con il brand “Le Tre Certose”.

Ad oggi sono ben 20 i musei aderenti al progetto, che uniscono il Vallo di Diano da Auletta a Montesano sulla Marcellana:

  1. Antiquarium Comunale Antica Atinate – Atena Lucana;
  2. Museo degli Antichi Saperi – Buonabitacolo;
  3. Osservatorio Permanente sul Doposisma – Auletta;
  4. Museo Civico Etnoantropologico – Montesano sulla Marcellana;
  5. MU.DI.F. – Museo didattico della Fotografia – Montesano sulla Marcellana;
  6. Battistero di San Giovanni in Fonte – Padula;
  7. Casa Museo Joe Petrosino – Padula;
  8. Museo Civico Multimediale – Padula;
  9. Museo dei Presepi – Padula;
  10. Museo del Cognome – Padula;
  11. Museo Didattico della Pietra di Padula – Padula;
  12. Parco Archeologico di Cosilinum – Padula;
  13. Museo del Suolo –  Pertosa;
  14. Museo Speleo Archeologico – Pertosa;
  15. Museo delle Antiche Vestiture – Polla;
  16. Acquario Didattico del Fiume Tanagro – Sala Consilina;
  17. Museo delle Erbe Viridarium – Teggiano;
  18. Museo degli Usi e delle Tradizioni del Vallo di Diano – Teggiano;

19/20. Museo Diocesano San Pietro – Teggiano.

Il piano di azione per la strutturazione della rete museale locale include la partecipazione di privati, enti, comuni, fondazioni ed associazioni e prevede, già nel breve periodo, di favorire e sostenere forme di comunicazione attraverso brochure, pannelli informativi e altri strumenti concordati in itinere, con l’obiettivo di offrire al turista una proposta ampia ed organica dell’intero territorio, e di partecipare in forme associate o singole a candidature per la realizzazione ed il finanziamento pubblico della rete museale locale. Nel corso della conferenza stampa, infatti, sono stati presentati al pubblico una brochure con l’itinerario turistico museale, che verrà distribuita nei punti d’informazione turistica della Regione Campania, e il sito internet di riferimento www.museivallodidiano.it.


MUSEI ADERENTI

ANTIQUARIUM ANTICA ATINATE

Via Santa Maria, Atena Lucana

II museo fornisce testimonianze sulle tre culture antiche alternatesi nello sviluppo storico di Atena Lucana: enotria, con reperti ceramici del VII-VI sec. a.C.; lucana, con reperti ceramici e scultorei del IV-III sec. a.C.; e romana, con reperti epigrafici, scultorei e architettonici dell’età repubblicana e imperiale.

Il materiale esposto proviene da Atena Lucana, dall’area di Volcei e dall’area di Cosilinum.

E’ dotato anche di un angolo-biblioteca, con 400 volumi di argomento letterario e scientifico.

Durata della vista 45 minuti

Orari e tariffe  Il museo è aperto tutti i giorni nel periodo estivo. Chiuso il lunedì nel periodo invernale. Ingresso libero.

Contatti 0975 76001

www.comune.atenalucana.sa.it

MUSEO DEGLI ANTICHI SAPERI

Piazza Angelo Piccini Leopardi, Buonabitacolo

Il museo vuole trasmettere le capacità e i saperi acquisiti dall’uomo attraverso il lavoro. È quindi suddiviso in sezioni che raggruppano, di volta in volta, oggetti e strumenti nati per svolgere una specifica funzione lavorativa (filatura, pelletteria, vinificazione, ecc.).

Il museo è aperto a tutti gli amanti della storia locale e in particolare al mondo della scuola, con percorsi didattici.

Durata della vista 3 ore

Orari e tariffe Visitabile su prenotazione. Ingresso libero.

Contatti 333 2966358

www.palazzo-picinni-leopardi.eu

OSSERVATORIO PERMANENTE SUL DOPOSISMA

Via Rivellino, Auletta

La mostra si trova nel palazzo monumentale dello Jesus ad Auletta ed è un viaggio nella storia e nella vita di coloro che hanno vissuto la tragica esperienza del terremoto. L’allestimento, con mostre fotografiche e video, è incentrato su un video-giornale che, tra interviste e riferimenti storici, ripercorre avvenimenti catastrofici fino agli anni 2000.

Durata della vista 45 minuti

Orari e tariffe Il museo è aperto dal giovedì alla domenica. Ingresso libero.

Contatti 0975 397037

www.fondazionemida.com

MUSEO CIVICO ETNOANTROPOLOGICO

Via Roma, Montesano sulla Marcellana

Le collezioni museali ivi esposte rispondono ad una ricostruzione filologica di quella ch’era la quotidianità della gente del Vallo di Diano. Agricoltura, lavoro, vita domestica, usi, tradizioni e religione di un popolo, il cui unico mezzo di sostentamento era il duro lavoro agropastorale.  Uno spaccato culturale oltre che sociale di vita famigliare lucana. Una realtà patriarcale meridionale che trova la sua massima espressione nel focolare domestico.

Durata della vista 60 minuti

Orari e tariffe Il museo è aperto tutti i giorni di mattina, sabato e domenica anche di pomeriggio. Chiuso il martedì. Ingresso libero.

Contatti 0975 865231

www.museocivicomontesano.it

MUSEO DIDATTICO DELLA FOTOGRAFIA

Località Cappuccini, Montesano sulla Marcellana

Il MuDiF non è solo uno spazio espositivo ma contesto di incontro con documenti e reperti, con esperienze di “luce/ombra”, percorsi di storia della fotografia e delle tecniche fotografiche ed altro ancora. Un museo con articolazioni e servizi a profitto del visitatore e degli internauti: il laboratorio di restauro, il laboratorio di digitalizzazione, di catalogazione ed archiviazione, il laboratorio di sviluppo e stampa, l’Archivio storico fotografico, la Biblioteca specializzata, i servizi didattici.

Durata della vista 60 minuti

Orari e tariffe Visitabile su prenotazione. Ingresso libero.

Contatti      www.ildidrammo.it

0975 22548 / 081 5179573

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI IN FONTE

Località Fonti, Padula

Una delle maggiori testimonianze religiose dell’Italia paleocristiana, la sua peculiarità è che sorge direttamente su una sorgente d’acqua limpidissima che alimenta la vasca battesimale. Nell’interno, restano frammenti di affreschi: quelli più antichi raffiguranti gli evangelisti (VI sec.) sono oggi custoditi nella Certosa di Padula; gli  altri, lungo le pareti dell’abside e del presbiterio, sono del IX e X secolo. Da notare, i numerosi materiali di spoglio, provenienti in prevalenza da una vicina villa romana, smantellata al momento della costruzione dell’edificio.

Durata della vista 30 minuti

Orari e tariffe Aperto tutti i giorni. Ingresso libero.

Contatti www.padulaecertosa.it

0975 081009 / 0975081007

CASA – MUSEO DI JOE PETROSINO

Via Giuseppe Petrosino, Padula

Allocato nella casa natale di Joe Petrosino, è l’unica casa-museo dedicata ad un esponente delle forze nell’ordine. Gli arredi e gli oggetti ci sono pervenuti quasi intatti. Qui vive la vicenda della grande emigrazione meridionale che sì è dipanata dall’ultimo Ottocento fino ai primi del Novecento. Il museo si è arricchito di una nuova Galleria virtuale su Mafie e Antimafia, che ripercorre la storia della criminalità organizzata in Italia attraverso gli archivi di Rai Teche.

Da qui partono le visite guidate nel centro storico di Padula.

Durata della vista 90 minuti

Orari e tariffe Il museo è aperto dal martedì alla domenica.

Ingresso € 3,00.

Contatti www.padulaecertosa.it

0975 081009 / 0975081007

MUSEO CIVICO MULTIMEDIALE

Largo Municipio, Padula

Il museo è concepito come la casa di un erudito collezionista che ha raccolto nel corso del tempo non oggetti, ma storie di uomini ed eroi, messe a disposizione dei turisti che vanno a fargli visita. Il museo, grazie ai supporti multimediali, è in grado di ripercorrere un periodo temporale che spazia dai primi insediamenti nell’entroterra campano fino all’Unità d’Italia, attraverso le tre sezioni su archeologia, risorgimento e brigantaggio.

Durata della vista 90 minuti

Orari e tariffe Il museo è aperto sabato e domenica.

Ingresso € 3,00.

Contatti www.padulaecertosa.it

0975 081009 / 0975081007

MUSEO DEI PRESEPI

Largo Sant’Agostino, Padula

Allocata in due chiese del centro storico, la mostra permanente ospita opere presepiali di varie dimensioni e tecniche. Le scene, molto variegate, tecnicamente si contraddistinguono sia nelle ambientazioni che nella tipologia dei pastori. Da sottolineare l’imponente scenografia che rappresenta la corte esterna della Certosa di Padula con la facciata monumentale: un presepe ambientato tra i Certosini con suggestiva resa prospettica e scenografica, oggetto di interventi di ampliamento che di anno in anno aggiungono motivo di interesse e novità.

Durata della vista 60 minuti

Orari e tariffe Visitabile su prenotazione. Ingresso libero.

Contatti www.presepipadula.it

340 7443993 / 340 2504475

MUSEO DEL COGNOME

Largo Municipio, Padula

Ambientato al piano terra di una casa del 1700, il museo è unico nel suo genere. Di stampo prevalentemente didattico, prevede, al suo interno, un percorso appositamente creato per aiutare il visitatore a muovere i primi passi nella ricerca genealogica. Dai documenti affissi alle pareti, come atti di nascita, morte, matrimoni, liste di leve, censimenti e atti notarili, viene fuori quella che è la storia di ognuno dei nostri antenati. Una sezione è dedicata anche all’emigrazione italiana nel mondo.

Durata della vista 60 minuti

Orari e tariffe Il museo è aperto dal martedì al sabato.
Ingresso libero.

Contatti

www.museodelcognome.it

0975 778376 / 347 8295374

MUSEO DIDATTICO DELLA PIETRA DI PADULA

Via Partenope, Padula

Il museo illustra tutta la filiera millenaria della lavorazione della pietra di Padula dall’estrazione, il trasporto dei blocchi, gli utensili, l’elenco degli scalpellini, le tradizioni lapidee, i macchinari, i corsi di scultura, il laboratorio didattico e i prodotti finiti.

Nel museo è presente anche una antica collezione di asce, picconi, scalpelli, martelli, gradine, subbie, trapani, zeppe e cunei dall’epoca certosina ai giorni nostri. Altre  sezioni sono dedicate all’ archeologia, la Geologia, le pietre preziose, i fossili e i segni criptati nelle pietre miliari.

Durata della vista 20 minuti

Orari e tariffe Il museo è aperto dal lunedì al venerdì. Sabato e domenica su prenotazione.

Ingresso € 1,00.

Contatti 331 5220601  

www.padulaecertosa.it  

PARCO ARCHEOLOGICO DI COSILINUM

Località Civita, Padula

Insediamento prima lucano e poi romano, la città di Cosilinum divenne municipio romano nell’anno 89 a.C. e fu fiorente per molti secoli, risultando abitata  fino al IX d.C., quando venne definitivamente abbandonata  in seguito alle invasioni saracene ed arabe. Oggi sono ancora  visibili i resti di alcune abitazioni, le fortificazioni in opus  poligonale dell’area sacra e la cosiddetta Torre Sillana nella  parte alta dell’acropoli. Molti dei resti monumentali di Cosilinum (rocchi di colonne, capitelli, sarcofagi, epigrafi, steli, statue, monete, vasi, mosaici) sono stati collocati nel Museo  Archeologico della Lucania Occidentale nella Certosa di Padula

Durata della vista 60 minuti

Orari e tariffe Aperto tutti i giorni. Ingresso libero.

Contatti www.padulaecertosa.it

0975 081009 / 0975081007

MUSEO DEL SUOLO

Via Muraglione, Pertosa

Un’esposizione coperta di 1.500 mq, con percorsi connessi all’esterno del museo. Un’avventura straordinaria da vivere con i cinque sensi, all’interno della scatola nera dell’ecosistema attraverso i diversi strati della terra alla scoperta di una risorsa fondamentale come l’aria e l’acqua da conservare e proteggere. Un racconto sui processi di formazione dei suoli, sui loro rapporti con gli ecosistemi, le comunità viventi ed i paesaggi, sull’interazione di lunga durata con le società umane.

Durata della vista 75 minuti

Orari e tariffe Il museo è aperto dal martedì alla domenica.

€ 4,50 intero, € 3,50 ridotto.

Contatti 0975 397037

www.fondazionemida.com

MUSEO SPELEO ARCHEOLOGICO

Piazza De Marco, Pertosa

Grazie ad un allestimento di recentissima realizzazione, presenta al pubblico le peculiarità del giacimento archeologico esistente nelle Grotte di Pertosa-Auletta. In questa cavità sono documentate tracce di antichissime frequentazioni umane, dalla preistoria al medioevo. Di notevole interesse i resti di un impianto palafitticolo risalente al secondo millennio a.C.

Durata della vista 75 minuti

Orari e tariffe Il museo è aperto dal martedì alla domenica.

€ 4,50 intero, € 3,50 ridotto.

Contatti 0975 397037

www.fondazionemida.com

MUSEO DELLE ANTICHE VESTITURE

Via Santa Maria la Scala, Polla

Il museo si propone di illustrare la storia del territorio attraverso il tratto più tipico e conosciuto del paese: l’abbigliamento popolare. Si tratta di una vasta esposizione che ripercorre l’evoluzione del tradizionale abito femminile locale negli ultimi due secoli.

Durata della vista 45 minuti

Orari e tariffe Visitabile su prenotazione. Ingresso libero.

Contatti 0975 376205

www.comune.polla.sa.it

ACQUARIO DIDATTICO DEL FIUME TANAGRO

C.da Taverne-Lontrara, Sala Consilina

L’acquario accoglie nelle sue 17 vasche tutta l’ittio-fauna del bacino del  fiume Tanagro, compresi molluschi e crostacei, presente l’ormai rarissimo gambero nostrano d’acqua dolce e l’endemica alborella lucana. Altre 5 vasche sono state appositamente realizzate per ospitare i principali anfibi. All’esterno la sorgente è un vero e proprio gioiello di biodiversità.

Durata della vista 45 minuti

Orari e tariffe L’acquario è aperto la domenica  su prenotazione. Ingresso libero.

Contatti 340 9136973

www.atapsambiente.it

MUSEO DELLE ERBE VIRIDARIUM

Piazza S.S. Pietà, Teggiano

Le collezioni presenti consistono in una raccolta di erbe essiccate e messe in mostra, un erbario naturale, un percorso sull’etnobotanica e sulla medicina popolare legata al mondo delle piante e una sezione riguardante la Scuola Medica Salernitana.

Durata della vista 60 minuti

Orari e tariffe Il museo è aperto la mattina dal lunedì al sabato. Ingresso € 1,00.

Contatti 0975 79600  

www.prolocoteggiano.it

MUSEO DEGLI USI E DELLE TRADIZIONI DEL VALLO DI DIANO

Teggiano

Questo piccolo museo è uno scrigno di reperti, mantenuti vivi nella loro funzione originaria, dall’antico telaio per tessere la tela, tuttora funzionante e con la tela avviata, alla gromola per la canapa, ai dipanatoi, ai filatoi, agli aratri. Completano la raccolta oggetti, musiche, costumi e soprattutto la documentazione sui cicli di lavoro che esistono ancora oggi, come la trasformazione del latte, del vino e dell’olio.

Durata della vista 60 minuti

Orari e tariffe Il museo è aperto la mattina dal lunedì al sabato. Ingresso € 1,00.

Contatti 0975 79600  

www.prolocoteggiano.it

MUSEO DIOCESANO SAN PIETRO

Via San Pietro, Teggiano

La collezione museale si compone di opere che spaziano dall’età romana al Settecento, comprendendo statue in muratura e stucco policromo, due pale mariane della fine del Cinquecento, affreschi staccati dalla cripta di Santa Venera e corredi liturgici con vasi sacri e paramenti, del XVIII e XIX secolo. Il Lapidario Dianese, una sezione distaccata, accoglie opere in pietra di Teggiano

Durata della vista 120 minuti

Orari e tariffe Il museo è aperto tutti i giorni. Museo € 2,50. Lapidario € 1,50. Combinato €3,00.

Contatti www.diocesiteggiano.it

0975 79930 / 349 5140708

 

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*