Bcc Basilicata premiata da Milano finanza per il secondo anno consecutivo: «Creatori di valore»

La Bcc Basilicata si conferma banca leader. Per il secondo anno consecutivo Bcc Basilicata, Credito cooperativo di Laurenzana e comuni lucani (già Bcc di Laurenzana e Nova Siri), riceve il premio “Creatori di valore” istituito da Milano finanza, prestigioso quotidiano di settore edito da Class editori. Nel corso della cerimonia Milano finanza global awards 2017, che si è tenuta martedì’ sera nel Museo nazionale della scienza e della tecnologia di Milano, la presidente del Bcc Teresa Fiordalisi ha ritirato il prestigioso riconoscimento assegnato da una giuria tecnica in base agli indicatori di solidità ed efficienza dell’istituto di credito (alla manifestazione erano presenti anche il direttore generale Giorgio Costantino e alcuni membri del consiglio di amministrazione). La solidità di Bcc Basilicata, con un total capital ratio al 35 per cento e la gestione attenta del rischio, con sofferenze nette sotto l’1 per cento e Texas ratio al 16 per cento, hanno convinto per il secondo anno di fila la giuria. I dati economici evidenziano l’ulteriore crescita di dimensioni e operativa della banca lucana nell’ultimo anno. In particolare, gli impieghi alla clientela hanno fatto registrare un incremento del 12,1 per cento e la raccolta diretta da clientela del 7,15 per cento. L’utile lordo di esercizio sfiora i due milioni di euro.

Il 4 agosto del 1957 un gruppo di artigiani e commercianti di Laurenzana, su iniziativa del socio promotore, cavalier Rocco Rossi, diede vita alla costituzione di una società cooperativa denominata “Cassa Rurale e Artigiana di Laurenzana”. Servirono il coraggio e la lungimiranza di 64 soci fondatori: 18 agricoltori, 8 sarti, 7 calzolai, 5 falegnami, 5 meccanici, 4 muratori, 4 impiegati, 2 guardie campestri, 1 commerciante, 1 pasticciere, 1 carpentiere, 1 guardia forestale, 1 marmista, 1 stagnino, 1 imbianchino, 1 orologiaio, 1 insegnante, 1 veterinatrio, 1 proprietario.

L’allora governatore della Banca d’Italia Donato Menichella, con provvedimento dell’8 gennaio 1958, autorizzò lo svolgimento dell’attività bancaria e lo sportello fu aperto il 22 settembre 1958 con due impiegati.

Nel corso degli anni alla sede di Laurenzana si sono aggiunti nuovi sportelli nella provincia di Potenza, nell’ordine: Calvello (1974), Corleto Perticara (1982), Anzi (1991), Pietrapertosa (1993), trasferito nel 2002 a Potenza, Marsicovetere – Frazione Villa D’Agri (2003) e Brienza (2005).

Nel 2010 la Bcc di Laurenzana, su autorizzazione del Direttore della Banca d’Italia, Fabrizio Saccomanni, ha incorporato la Bcc di San Giorgio Lucano e Nova Siri, e ha ampliato la rete territoriale con gli sportelli di Nova Siri, San Giorgio Lucano e Francavilla in Sinni.

L’operazione di incorporazione di una Bcc consorella in serie difficoltà gestionali e operative ha consentito non solo di salvare i 13 posti di lavoro, ma anche di fornire un maggior supporto operativo sul territorio di quella Bcc, in virtù delle maggiori dimensioni e capacità operative, agli imprenditori e alle famiglie dell’area del Sinni. L’operazione si è rivelata una felice intuizione: oggi la banca vive una serenità operativa e gestionale e una capacità operativa prima impensabile e ha ampliato significativamente il proprio raggio di azione territoriale. La fusione è pienamente riuscita e il territorio, così come i dipendenti, i soci e i clienti della ex Bcc di San Giorgio Lucano e Nova Siri sono diventati parte integrante della Bcc di Laurenzana e Nova Siri. Ad oggi la Banca ha potenzialità da esprimere sul territorio di competenza e intende porsi quale interlocutore bancario lucano per i lucani. E con l’apertura a Matera, deliberata nell’ultima assemblea, diventa Bcc Basilic ata: una nuova sfida per il credito cooperativo nato a Laurenzana 60 anni fa.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*