Sanità Futura: parte da Melfi il progetto pilota “physio specialist”

Un nuovo progetto pilota – “physio specialist” – che vedrà impegnati giovani fisioterapisti professionisti scelti fra coloro che hanno ottenuto i massimi risultati durante il loro percorso formativo con l’obiettivo di accrescere la qualità delle prestazioni fisioterapiste. Lo annuncia Sanità Futura riferendo che l’iniziativa si svolgerà al poliambulatorio  Polimedica di Melfi dove la fisioterapia è una missione di squadra. Una recente indagine di Unioncamere  ha dimostrato che il titolo professionale in Fisioterapia è tra i primi cinque più utili. Quella del fisioterapista è una figura professionale molto richiesta dal mercato del lavoro. Il neolaureato può trovare impiego in strutture sia pubbliche come le ASL sia in strutture private come cliniche, centri di riabilitazione, palestre, centri benessere e case di cura. Nella quasi totalità dei casi l’ingresso nel mercato del lavoro arriva in tempi abbastanza lunghi: la prima occupazione, sebbene come si è detto in molti proseguono il lavoro iniziato prima della laurea, è raggiunta infatti in 10,4 mesi (è 7,1 per i colleghi). A pesare è il fatto che una quota rilevante di fisioterapisti (62%) prima di entrare nel mercato del lavoro è impegnata in un’attività di formazione post laurea: in particolare, master universitario di I livello (23%), collaborazioni volontarie (16%), ma anche corsi di formazione professionale (15%) o altri tipi di master (14%), e un ulteriore quota anche in master di secondo livello e in stage in azienda (9%). E quando arrivano sul mercato del lavoro? Sono stabili (92%), e possono contare più della media su un contratto a tempo indeterminato (66,5% contro il 46% della media).
A bene vedere i loro settori di punta sono nel campo soprattutto del pubblico (53% contro il 23% della media), e si inseriscono nella quasi totalità dei casi nel ramo della sanità (85%). Il guadagno a cinque anni dal titolo è in linea con quanto è percepito dai loro colleghi magistrali (1.360 euro netti mensili contro i 1.336 euro del complesso). Sebbene dichiarino di non utilizzare in maniera elevata le competenze apprese nel corso degli studi universitari (35% contro il 51% della media), sono comunque soddisfatti del lavoro svolto, tant’è che il titolo è considerato efficace per lavorare da 73 fisioterapisti su cento.

Punteremo sul loro entusiasmo, energia e voglia di innovare, affiancandoli ai nostri professionisti più esperti per mettere uno stop – sottolinea Sanità Futura – alla fuga di cervelli e talenti, impegnandoci ad offrire maggiori opportunità ai nostri giovani. Senza giovani non c’è futuro e nemmeno innovazione e miglioramento.

Fisioterapisti provenienti da tutte le regioni d’Italia – riferiscono a Polimedica  Melfi – ci inviano quotidianamente i propri curricula, manifestando il desiderio di lavorare con noi presso il nostro centro di riabilitazione fisioterapico, ma solo i migliori e i più motivati verranno scelti e rimarranno a lavorare con noi. Polimedica sceglie i propri collaboratori valutando vari requisiti professionali e umani e prima di iniziare a lavorare nel centro bisogna superare colloqui e diversi test attitudinali, dimostrare sul campo le proprie abilità. Seguendo questi criteri nel corso del tempo si è venuta a creare una vera e propria squadra, sempre in crescita e in evoluzione, composta da un mix di esperienza e spinta all’innovazione.

Ogni fisioterapista che la compone ha le proprie peculiarità e specializzazioni, in questo modo i pazienti possono sempre trovare il professionista a cui affidarsi con le competenze più adatte per risolvere i propri problemi, attraverso una consulenza di equipe che comprende fisioterapisti, ortopedici, fisiatri e neurologi.

Per garantire la maggiore qualità possibile controlliamo nel corso del tempo l’operato dei fisioterapisti attraverso il monitoraggio della soddisfazione dell’utenza e l’analisi delle schede dei pazienti prima, durante e dopo il trattamento. È per questo che abbiamo anche creato l’area “physio specialist”: in un ambiente particolarmente confortevole e riservato, Polimedica propone quanto di meglio possa offrire nel settore della fisioterapia e dello sviluppo personale. Prestazioni ad alto contenuto tecnologico e professionale, unite ad un elevato grado di personalizzazione, offrono l’opportunità di raggiungere migliori risultati nel minor tempo possibile, attraverso percorsi e intensità di lavoro non praticabili nell’ambito dell’offerta del Servizio Sanitario Nazionale.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*