ILVA, PELLEGRINO-CARAGNANO (FDI-AN): RISANAMENTO AMBIENTALE DEVE ESSERE PRIORITA’ PER IL GOVERNO

“I tarantini stanno pagando e pagheranno ancora per i veleni che per oltre 50 anni l’industria siderurgica ha riversato nella loro città. Lo confermano anche i dati del Registro Tumori della ASL TA: per alcune patologie ci si ammala molto più che nel resto d’Italia e del Mezzogiorno. Le diossine, i PM 10 e i PCB causano cancro e tumori e capire che c’è un nesso fra chi emette inquinamento e le neoplasie che si sviluppano nella zona non è poi così assurdo.
Lunedì arriverà il decreto di assegnazione dell’ ILVA alla nuova cordata industriale. Non vogliamo un nuovo carrozzone statale che succhia soldi pubblici, licenzia i lavoratori e non provvede alla bonifica dei terreni contaminati.
Ci aspettiamo, invece, che la priorità assoluta sia il risanamento ambientale del quartiere Tamburi.

Pretendiamo anche che vengano assegnate più risorse al Registro Tumori, eccellenza tarantina che lavora senza mezzi economici adeguati, per la quale come Fratelli d’Italia tramite i nostri Deputati portammo già un anno fa una interrogazione in Parlamento.

Interrogazione a tutt’oggi rimasta senza risposta, perché è evidente che questo Governo ha da sempre altre priorità, non certamente la salute degli italiani.”
Cinzia Pellegrino, Coordinatore Nazionale Dipartimento tutela Vittime di FdI-AN
Giovanni Caragnano, Referente del dipartimento per la Provincia di Taranto

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*