MAGLIETTA: nessuna criticità per gli infermieri del gruppo operatorio

“Non esistono le gravissime criticità nel gruppo operatorio denunciate dalle organizzazioni sindacali del San Carlo”. Il direttore generale Rocco Maglietta rassicura gli utenti: “Il direttore della UOC di Anestesia e Rianimazione, che gestisce le sale operatorie, sta applicando una nostra direttiva che fa riferimento a standard nazionali fissati da un decreto ministeriale ormai ventennale. Il nuovo modello organizzativo può essere sintetizzato nella formula: due infermieri per gli interventi di media e bassa complessità, tre infermieri per l’alta complessità. In questo modo è possibile tenere aperte più sale operatorie, abbattendo i tempi di attesa per i pazienti chirurgici che in alcune discipline stavano raggiungendo soglie troppo alte”.
“E’ evidente – prosegue il dg del San Carlo – che non si effettuano interventi contemporaneamente in tutte le sale operatorie aperte e quindi nel caso di particolari situazioni di complessità c’è un margine di elasticità che consente di rispondere al meglio assicurando le opportune condizioni di sicurezza”.
“Nessun rischio, quindi – conclude Maglietta – ma un intervento mirato proprio a scongiurare i pericoli potenziali insiti in tempi di attesa eccessivi. Sono comprensibili talune resistenze a difesa di piccoli privilegi consolidati nel tempo ma non c’è dubbio che gli standard adottati sono stati verificati in tutta Italia nell’arco di venti anni e non giustificano o autorizzano nessun allarmismo”.
“Non risponde al vero – precisa il direttore sanitario Antonio Picerno – quanto sostenuto nella nota sindacale sulla ‘presenza di due soli infermieri in sala’. E’ la complessità degli interventi che determina il numero di infermieri impegnati e a questo criterio di efficienza e di razionalità ci siamo attenuti nel varare il nuovo modello organizzativo”.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*