Messaggio del prof. Sergio Tanzarella (docente presso la Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale) a Maurizio Bolognetti

Bolognetti digiuna soltanto perché altri hanno mangiato troppo. Hanno mangiato il diritto ad essere informati, il diritto alla autodeterminazione di un popolo, il diritto alla salute. Contro la bulimia di diritti esercitata dal potere non resta al cittadino che una testimonianza che sparigli i giochi della diplomazia e degli scambi. Cosa chiede Bolognetti che non sia contenuto nella Laudato si’? Chi la legge comprende che l’azione di Bolognetti in questi anni sulla tragedia trivellazioni è lo sviluppo conseguenziale delle affermazioni di Francesco. Solo che Bolognetti ha cominciato prima della enciclica quindi ha anticipato il papa. Mi aspetto che le comunità cristiane della Basilicata non faranno mancare il loro sostegno e condivisione alla sofferta scelta di Maurizio allargandola, fosse anche solo a staffetta. È un atto di solidarietà necessario perché non si generino equivoci o confusioni: la missione e gli intenti della Chiesa nulla dovrebbero avere in comune con ENI e i suoi interessi. Da parte mia da adesso fino a domani affiancherò Maurizio nel digiuno.

Sergio Tanzarella

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*