A Gocce d’autore il libro di Walter Procaccio

Oblio è il titolo del libro che il Circolo culturale Gocce d’autore presenterà sabato 13 maggio alle ore 18,00 presso la propria sede in via Pretoria 222/224 a Potenza. Si tratta dell’opera curata da Walter Procaccio, psichiatra e psicoterapeuta, edita da Cronopio nella collana Quaderni dell’espressione. La pubblicazione raccoglie gli interventi scientifici di Felice Cimatti, docente di filosofia del linguaggio all’Università della Calabria, Silvia Vizzardelli, docente di estetica e di estetica musicale all’Università della Calabria, Paolo Carignani, psicologo e psicoanalista, Alessandra Ginzburg, psicoanalista, Daniela Angelucci, docente di estetica all’Università Roma Tre, e Antonio Ciocca, medico psichiatra.

I contributi tendono a dare all’oblio una definizione che ne riabiliti il ruolo, contro il concetto sostenuto da certa letteratura che lo confina a perdita tragica e colpevole di qualcosa che invece deve permanere. E lo fanno chiamando in causa i grandi della letteratura filosofica e psicoanalitica: da Proust, a Freud a Deleuze. In particolare Oblio vuole esplorare le sue sfumature nel convincimento che “il dispositivo obliante possa considerarsi una risorsa prosperosa, qualcosa che fa guadagnare invece che perdere”, come scrive Procaccio nell’introduzione.

Alla presentazione del libro partecipa, oltre al curatore del libro Walter Procaccio, lo psichiatra Renato Maffione. Nel corso della serata l’attrice Marialuisa Firpo terrà un reading. Presenta la giornalista Eva Bonitatibus.

Walter Procaccio è psichiatra e psicoterapeuta, docente a contratto di Psicoterapia breve all’Università “G. D’Annunzio” di Chieti e presso la scuola di psicoterapia SSPIG di Palermo. Cofondatore dell’Istituto psicoanalitico di formazione e ricerca “Armando Ferrari”. Responsabile sanitario Comunità Terapeutica “L’Airone” di Orvieto. Il suo ambito di ricerca è il rapporto fra temporalità e psicoanalisi.

Eva Bonitatibus

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*