Visita della delegazione del G7 Economico Finanziario a Matera: La ASM adotta un Piano di Emergenza sanitaria

Più di 50 tra medici, infermieri, personale tecnico e di supporto pronti ad intervenire  in caso di emergenza durante la visita di una delegazione del G7 economico finanziario che si terrà il 12 maggio prossimo a Matera nell’ambito della tre giorni (11/13 maggio) dei ministri delle finanze dei paesi più industrializzati a Bari.  Decine di altri operatori sanitari e non, allertati per raggiungere l’ospedale di Matera in pochissimi minuti. Sono questi in via di massima i numeri del piano di emergenza adottato dalla Asm dando seguito alle intese raggiunte l’11 aprile scorso dal Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza. A coordinare la complessa macchina organizzativa sono  la Prefettura e la Questura di Matera, che nei giorni scorsi hanno chiesto all’Azienda e al Dipartimento Interaziendale di emergenza urgenza 118 di adottare ogni misura sanitaria ed emergenziale possibile. Il Piano straordinario della ASM è stato adottato ieri con delibera del Direttore Generale Pietro Quinto e predisposto da un gruppo di lavoro cui ha preso parte anche il direttore sanitario aziendale Domenico Adduci. Il team, composto tra gli altri dal direttore sanitario dell’ospedale di Matera Gaetano Annese e dal Disaster manager ASM Margherita Maragno, ha condiviso le azioni con tutti i direttori dei dipartimenti aziendali e prevede nel dettaglio l’incremento del personale medico infermieristico e tecnico in servizio, la guardia attiva e pronta disponibilità aggiuntivi nelle unità operative inserita e nel sistema dell’emergenza urgenza aziendale, l’incremento di posti al pronto soccorso, nonché di posti letto nelle altre unità operative, l’aumento delle scorte di farmaci e dei presidi di emergenza. “Allo scrupoloso lavoro della prefettura della questura di Matera sul fronte della sicurezza -afferma Adduci- la Asm aggiunge un articolato piano di emergenza sanitaria che -insieme all’eccellente lavoro del 118- ci auguriamo resti solo sulla carta ma che prova, ancora una volta, come tutte le istituzioni locali possano, sinergicamente, assolvere ad ogni tipo di compito. Anche se il proscenio è quello dei potenti della Terra”.

Commenta per primo

Rispondi