“Un 5 che vale 1000”, la campagna dell’Unibas per destinare il 5×1000 all’Ateneo lucano

“Un 5 che vale 1000 = + servizi agli studenti + ricerca” è lo slogan utilizzato dall’Università degli studi della Basilicata per invitare i contribuenti a destinare il 5×1000 dell’imposta sul reddito delle persone fisiche a sostegno delle attività dell’Ateneo lucano. L’Unibas ha scelto di utilizzare questi fondi per aumentare le dotazioni economiche in favore dei servizi agli studenti: l’Ateneo ha ricevuto circa 30 mila euro dal Ministero in base all’ultima erogazione dei proventi del 5×1000.
“Soprattutto in un momento storico caratterizzato da tagli del Ministero e da ‘rivisitazioni’ dei trasferimenti agli Atenei – ha detto la Rettrice dell’Università della Basilicata, Aurelia Sole – per un’università giovane del Mezzogiorno come la nostra è fondamentale il sostegno che i contribuenti possono fornirci con il 5 x 1000: in questo senso, come accade ormai da anni, abbiamo confermato la scelta di utilizzare questi fondi per rafforzare ancora di più i servizi ai nostri iscritti”. La campagna di sensibilizzazione prevede delle grafiche specifiche, disponibili anche sul sito internet dell’Ateneo lucano, veicolate in modo particolare sui social network dell’Unibas (Twitter, Facebook, Google+) e che possono essere inserite nel corpo delle mail utilizzate dai docenti e dal personale tecnico amministrativo, in modo da raggiungere il massimo numero possibile di contribuenti.
Per destinare il contributo all’Università degli Studi della Basilicata occorre indicare sui modelli per la dichiarazione dei redditi il Codice Fiscale 96003410766 e firmare nell’apposito spazio: “Finanziamento della Ricerca Scientifica e della Università”, oppure segnalarlo al commercialista o al Caf al momento della compilazione della dichiarazione. Destinare il 5 per mille non costa nulla e non è una scelta alternativa all’8 per mille.




Commenta per primo

Rispondi