NUOVA BROCHURE CONTRO L’ESTORSIONE E L’USURA

“Liberi dall’usura e dal racket” questo è il titolo della nuova brochure realizzata dall’Associazione Antiracket e Antiusura “Famiglia e Sussidiarietà”.

Con la pubblicazione della brochure vengono date informazioni sulla legge 44/99 e sulla Legge 108/96, madre di ogni norma antiusura, che mette a disposizione delle vittime estorsive e dell’usura i Fondi di Solidarietà (art. 14) e di Prevenzione (art. 15).

Il Fondo di solidarietà è divenuto Fondo di rotazione per la solidarietà alle vittime dei reati di tipo mafioso, delle richieste estorsive e dell’usura le cui finalità sono di indennizzare le vittime dei reati di tipo mafioso costituitesi parti civili nei procedimenti penali contro gli autori dei reati, di concedere un indennizzo commisurato ai danni subiti dalle vittime dell’estorsione con attività imprenditoriale e di concedere un mutuo decennale senza interessi per un ammontare commisurato al danno subito da vittime di usura con un’attività comunque economica.

Il Fondo di prevenzione mette a disposizione dei Confidi e delle Fondazioni e Associazioni antiusura somme di denaro per garantire alle banche prestiti concessi a soggetti in difficoltà. I Confidi si occupano degli operatori economici, mentre le Fondazioni e Associazioni si occupano delle famiglie.

L’Associazione Antiracket e Antiusura “Famiglia & Sussidiarietà” è impegnata – ha affermato Angelo Festa, Presidente dell’Associazione – nel promuovere iniziative per il contrasto al racket e all’usura, difendendo le vittime della criminalità anche attraverso la costituzione di parte civile nei procedimenti penali e  nell’attività di assistenza, informazione e consulenza per il ricorso alla Legge n. 3 del 2012 sul sovraindebitamento.

Infine  – ha concluso Festa – è importante costruire sul territorio, con le Forze dell’Ordine, le Amministrazioni Comunali e le Associazioni di Categoria,  una rete di solidarietà a favore di quanti decidono di denunciare i loro aguzzini,  che danneggiano l’economia sana e legale  del territorio.
MATERA 25/04/2017

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*