27 APRILE 2017 ORE 18,30 – BIBLIOTECA COMUNALE DI STATTE

Giovedì 27 Aprile, terzo appuntamento con la rassegna “Naturalmente libri, libri per tutte le stagioni”, a cura dell’associazione culturale “Dialoghi itineranti – amici della biblioteca di Statte”, dopo la scrittura stravolgente di Cosimo Argentina e la poesia ermetica di Mara Venuto, arriva la donna in noir che dialoga al telefono con Alice Allevi e Salvo Montalbano… ovvero Gabriella Genisi e la sua Lolita Lobosco , con l’indagine “Mare nero”, presso la nuova biblioteca comunale “Mastromarino” di Statte (nella Biopiazza a Statte). L’evento si svolgerà a partire dalle ore 18,30 in collaborazione con la stessa biblioteca e i “Presidi del libro” della regione Puglia di cui l’associazione fa parte. La giornalista Roberta Criscio dialogherà con l’autrice pugliese, l’incontro sarà introdotto da Giulia Fonzone, presidente della suddetta associazione, interverrà Debora Artuso, assessore alla cultura di Statte. La presentazione sarà completata dalle letture scelte ad opera dei “Dialoghi itineranti – Amici della biblioteca di Statte”. Un libro avvincente capace di amalgamare tanti sapori diversi: quello dell’indagine poliziesca con intuizioni e risvolti imprevedibili, quello amaro legato alla questione ambientale dell’inquinamento marino(la storia si svolge nel barese ma il problema non può essere limitato e localizzato alla sola area geografica di appartenenza), l’istanza delle donne che rivendicano il loro ruolo nella società reale (e non solo nel commissariato virtuale di Lolita Lobosco) e il gusto per la tradizione espressa nelle ricette di cucina che chiudono il volume cartaceo edito da Sonzogno. L’indagine nasce dopo il ritrovamento di due cadaveri… morte naturale tranne per la protagonista in divisa, Lolita Lobosco: “[…] non mi abituo a certe cose, alle vite inutilmente perdute per colpa di qualcuno. A chi continua a uccidere in nome dell’Amore. Ai conti che questa città cerca sempre di far quadrare, nel modo peggiore. A qualcosa che nonostante tutto continua a sfuggirmi.”Quelle di Lolita sono storie appassionanti di una donna che non si dà mai per vinta. Questo fa parte della forza delle donne ed è bello che sa una donna a scrivere alcune delle pagine del noir pugliese senza prendersi troppo sul serio fra ricette di pane e strizzando l’occhio fra un discorso e l’altro.

Lucia Pulpo




Commenta per primo

Rispondi