PISTICCI SCALO – PRONTO IL PIU’ GRANDE COMPLESSO PARROCCHIALE DI VALBASENTO E METAPONTINO

PISTICCI SCALO.E’ pronto il piu’ grande complesso parrocchiale,non solo della Valbasento ma di tutto il basso materano e metapontino.Sono stati infatti portati a termine i lavori della grande struttura del “San Giuseppe Lavoratore” del quartiere residenziale ex Snam dello Scalo,che comprende anche la chiesa a servizio di quella comunità e delle zone limitrofe della valle del Basento. Il plesso, grande e bello, sorge occupando in parte la superficie ricavata da demolizione del vecchio tempio realizzato nei primi anni 60,quando fu costruito il nuovo quartiere residenziale che da poco ha festeggiato il mezzo secolo di vita.La nuova opera è a firma dell’arch.Renato D’Onofrio,per la parte architettonica e degli ingegneri Dario De Luca e Carmine Vaccaro per le strutture,e comprende 2 distinti corpi di fabbrica,la chiesa e i locali del ministero pastorale con annessa casa canonica, collegati da un ampio porticato.Il tutto è stato dimensionato in base ai parametri della C.E.I. relativi ad una comunità di circa 3000 abitanti, come è appunto quella del quartiere del centro edificato che ruota intorno allo Scalo ferroviario e del vasto agro attiguo. Per ragioni liturgiche, come ci spiegava il progettista arch.D’Onofrio e come già evidenziato nel corso dei lavori, la nuova chiesa è stata progettata in forma semicircolare e, nonostante occupi spazio nel prato,per i due corpi di fabbrica hanno previsto la presenza di strade  ai loro margini.In  particolare,il nuovo tempio è stato ideato con l’altare maggiore di fronte l’ingresso e la fonte battesimale alla destra del presbiterio.Nella parte opposta,la sagrestia e il piano superiore da destinare ad ufficio. Lateralmente,la parete su cui troveranno posto i preziosi bassorilievi della via Crucis, opera dell’artista sicula Marisa Gullotta-Martino.La grande aula liturgica ospiterà 182 posti a sedere, mentre 28 saranno quelli della cappella feriale. Il locale parrocchiale invece comprenderà 6 aule catechistiche e 18 posti a sedere ciascuno mentre il salone ne conterrà 100.La superficie totale occupata è pari a circa 900 mq. per una volumetria compessiva di circa 6 mila mc.Il tutto è stato realizzato su un lotto di 4 mila mq. Committente della opera è la Curia di Matera.I lavori sono stati eseguiti dalla Impresa “D’Alessandro Restauri” di Matera.L’importo degli stessi,è pari a 2 milioni di euro. Per l’inaugurazione,si ipotizza la festa di S.Giuseppe Lavoratore,protettore del quartiere Le funzioni religiose in questo periodo sono state celebrate dal nuovo parroco don Mimì Spinazzola,nel locale denominato Baraccone prossimo al cantiere.

MICHELE SELVAGGI

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*