PISTICCI: MUORE A 102 ANNI IL NONNO ANDREA DE NITTIS

PISTICCI. Il prossimo martedì 4 aprile doveva entrare nei 103 anni, ma non ce l’ha fatta. Andrea De Nittis si è spento nella giornata di giovedì nella sua casa di via Giannatonio dove viveva da sempre. Con lui, che era considerato il nonno di Pisticci,va via un pezzo di storia della nostra città,ancora ricca di centenari e ultracenteneri.Una persona speciale che, nonostante la sua veneranda età,fino a poco fa riusciva ancora a gestire in modo più che razionale la sua vita.Spesso infatti si faceva accompagnare dal barbiere e,puntualmente il primo d’ogni mese,si recava in banca per riscuotere la sua pensione.Andrea De Nittis,fino a qualche ora fa,uno degli oltre 17 mila ultra secolari italiani,era nato appunto il 4 aprile 1915,giorno di Pasqua di quell’anno. Secondo di cinque figli (quattro maschi e una femmina) sin da giovane si era sempre dedicato ai lavori agricoli,lavorando fino a oltre 80 anni di età.Tante le località della campagna pisticcese dove ha prestato la sua incessante opera in varie masserie dell’agro,anche come uomo di fiducia. In una di queste,lui sempre ricordava l’eccidio di una intera famiglia ad opera famoso sanguinario dell’epoca, Domenico Groppo.

Coniugato con la compaesana Donatella Di Tursi venuta a mancare nel dicembre del 2005, ora viveva nella sua casa del rione Piro.Nel 1935 fu militare di leva a Trieste, città di cui serbava bei ricordi.Dopo il congedo,con lo scoppio del II° conflitto Mondiale,fu richiamato alle armi e impiegato sui fronti di Albania e Grecia.Proprio nei Balcani, insiemead altri 18 soldati tutti di Pisticci, chiese la grazia della salvezza alla Madonna e come ringraziamento quello di far dipingere un quadro a ricordo di un’azionedi guerra da dedicare appunto alla Vergine.Di queli militari,solo De Nittis era l’unico a rimanere ancora in vita ed il quadro è tuttora affisso nella chiesa di Sant’Antonio dove si sono svolti i suoi funerali.Il 30 agosto del 2014,il Presidente Antonio Zaffarese dell’Associazione Anziani di Pisticci,di cui faceva parte,lo premiò con una targa come socio più anziano del club, che lui custodiva gelosamente.Con Zio Andrea,lo stesso giorno era scomparsa un’altra nostra compaesana, quasi secolare ( 99 anni) Giuseppina Passarella,mentre il giorno prima la nostra città aveva accolto nel clan dei centenati nonna Vincenzina Grieco.

MICHELE SELVAGGI




Commenta per primo

Rispondi