FESTA DI PRIMAVERA AL TEATRO DI CRISPIANO

Martedì 21 performance, letture, proiezioni con il progetto Re-Green del Circolo Arci ‘Mariella Leo’

CRISPIANO – Si terrà martedì 21 marzo alle 19.00 nel rinato Cineteatro di Crispiano la ‘Festa di VeraPrima’, per salutare l’arrivo della stagione calda. Ad organizzare l’insieme di installazioni e performance artistiche, letterarie, riflessioni sociali e degustazioni di prodotti tipici, sarà lo staff del progetto “Re-Green, eco dei mestieri della legalità”, sostenuto dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri-Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale, realizzato dal Circolo Arci-Uisp Crispiano ‘Mariella Leo’.
A partire dalle sette di sera, tutti gli spazi del teatro comunale saranno invasi da questo inusuale percorso esperienziale, coinvolgente, che sfocerà nella prima visione della webserie “Ce storia“, frutto del laboratorio condotto da Gaetano Colella e Andrea Simonetti con ragazze e ragazzi di Crispiano insieme con anziani esperti di antichi mestieri. Altri spazi a tema saranno dedicati  ai libri ed ai film del laboratorio scolastico “Re-Book” e “Re-Movie” tenuti da Vincenzo Parabita e Anna Arena negli ultimi mesi. E poi ancora i disegni dei bambini e i video dei laboratori dei diritti a scuola, il racconto della magnifica esperienza del Gruppo di Acquisto Solidale nato all’interno del Circolo Arci di Crispiano, e la proposta di attivare un orto sociale comunale e un altro laboratorio dedicato al mestiere tradizionale dello stagnino-lattoniere.

Durante la serata sarà ricordata Paola Clemente, la bracciante di San Giorgio Jonico morta di fatica nelle campagne andriesi due estati fa, uccisa dal caporalato. Onoreremo così questo 21 marzo 2017, prima Giornata nazionale della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie, voluta da quest’anno dal Parlamento Italiano.
L’iniziativa “VeraPrima” si terrà anche grazie all’impegno di ragazze e ragazzi del Servizio Civile Nazionale, operanti a Crispiano e con la direzione artistica di Paolo Elettrico.

Commenta per primo

Rispondi